venerdì 15 ottobre 2021

Natale Cuccurese: “Green Pass, arma di distrazione di massa dal Pnrr e dall’autonomia differenziata”

Il clamore mediatico-politico sul Green Pass come arma di distrazione di massa dai temi strategici per la tenuta unitaria dell’intero sistema Paese: Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), Legge di stabilità ed autonomia differenziata.

Questa, in estrema sintesi, la tesi del Presidente del Partito del Sud Natale Cuccurese, che, sul suo profilo facebook, ha scritto: “L’Italia è tra i Paesi al mondo con la percentuale più alta di persone vaccinate, eppure da settimane si parla solo di Green Pass (unico Paese al mondo che lo ha introdotto come obbligatorio per poter lavorare) e parleremo di questo chissà ancora per quanto tempo, lasciando sempre più sullo sfondo quello di cui dovremmo parlare, visti gli interessi economici in gioco per lo sviluppo dei territori, come il PNRR o l’Autonomia differenziata collegata alla Legge di bilancio”.

Fonte: Vesuvianonews- articolo di Salvatore Lucchese


---------------------------------------------------------------------------------------------

Il Post su Facebook completo:

FATEVI UNA DOMANDA E DATEVI UNA RISPOSTA…
La percentuale dei lavoratori vaccinati nei #porti italiani: in testa Gioia Tauro, Bari-Brindisi, Sardegna e Taranto, in coda Trieste…
L’Italia è tra i Paesi al mondo con la percentuale più alta di persone vaccinate, eppure da settimane si parla solo di Green Pass (unico Paese al mondo che lo ha introdotto come obbligatorio per poter lavorare) e parleremo di questo chissà ancora per quanto tempo, lasciando sempre più sullo sfondo quello di cui dovremmo parlare, visti gli interessi economici in gioco per lo sviluppo dei territori, come il PNRR o l’Autonomia differenziata collegata alla Legge di bilancio…


tabella tratta dal Sole 24 ore del 15 ottobre 2021







.

Leggi tutto »

Il clamore mediatico-politico sul Green Pass come arma di distrazione di massa dai temi strategici per la tenuta unitaria dell’intero sistema Paese: Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), Legge di stabilità ed autonomia differenziata.

Questa, in estrema sintesi, la tesi del Presidente del Partito del Sud Natale Cuccurese, che, sul suo profilo facebook, ha scritto: “L’Italia è tra i Paesi al mondo con la percentuale più alta di persone vaccinate, eppure da settimane si parla solo di Green Pass (unico Paese al mondo che lo ha introdotto come obbligatorio per poter lavorare) e parleremo di questo chissà ancora per quanto tempo, lasciando sempre più sullo sfondo quello di cui dovremmo parlare, visti gli interessi economici in gioco per lo sviluppo dei territori, come il PNRR o l’Autonomia differenziata collegata alla Legge di bilancio”.

Fonte: Vesuvianonews- articolo di Salvatore Lucchese


---------------------------------------------------------------------------------------------

Il Post su Facebook completo:

FATEVI UNA DOMANDA E DATEVI UNA RISPOSTA…
La percentuale dei lavoratori vaccinati nei #porti italiani: in testa Gioia Tauro, Bari-Brindisi, Sardegna e Taranto, in coda Trieste…
L’Italia è tra i Paesi al mondo con la percentuale più alta di persone vaccinate, eppure da settimane si parla solo di Green Pass (unico Paese al mondo che lo ha introdotto come obbligatorio per poter lavorare) e parleremo di questo chissà ancora per quanto tempo, lasciando sempre più sullo sfondo quello di cui dovremmo parlare, visti gli interessi economici in gioco per lo sviluppo dei territori, come il PNRR o l’Autonomia differenziata collegata alla Legge di bilancio…


tabella tratta dal Sole 24 ore del 15 ottobre 2021







.

mercoledì 13 ottobre 2021

Autonomia differenziata: Manfredi prenda pubblicamente posizione

Il Partito del Sud chiede ufficialmente al neo eletto sindaco Gaetano Manfredi di prendere una posizione chiara e ufficiale sull'Autonomia Differenziata durante la solenne cerimonia di insediamento al consiglio Comunale di Napoli, presso la sala dei Baroni al Maschio Angioino.

Preso atto che il low profile di Mario Draghi sul tema era solo un modo per traghettare la sua coalizione senza ulteriori tensioni, oltre le amministrative, la recente scelta di rilanciare il provvedimento di Autonomia Differenziata e associarlo al NADEF svela un orientamento netto della Presidenza del Consiglio: il Governo vede il Sud, con le sue Regioni e i suoi centri urbani, assolutamente periferici e subalterni nel rilancio del paese.
"Nel continuo do ut des che caratterizza le trattative sotto banco di questo governo così pieno di contraddizioni, l'inaspettata riesumazione della “secessione dei ricchi”, va letta come un liberi tutti, sussurrato all'orecchio della base leghista e dei suoi amministratori più rappresentativi.
Già oltre il 60% dei fondi europei tramite PNRR è stato assegnato al Nord, in barba alle precise prescrizioni europee. Ora stanno formalizzando il lasciapassare per spenderli senza controlli. Il sindaco di Napoli la capitale del Mezzogiorno stará a guardare?" ha dichiarato Antonio Luongo responsabile metropolitano della città di Napoli per il Partito del Sud.
La richiesta sarà formalizzata a breve all'ufficio stampa di Manfredi, associata alla richiesta di un incontro per avere garanzie sulla compattezza della nascente maggioranza su un un argomento che deve riguardare gli interessi dell'ntera cittadinanza indipendentemente dagli orientamenti dei partiti.

COMUNICATO STAMPA
Antonio Luongo, Resp. le Citta' Metropolitana Napoli x il Partito del Sud - Meridionalisti Progressisti sull'Autonomia Differenziata su "il Roma" di oggi 13/10/2021







.


Leggi tutto »

Il Partito del Sud chiede ufficialmente al neo eletto sindaco Gaetano Manfredi di prendere una posizione chiara e ufficiale sull'Autonomia Differenziata durante la solenne cerimonia di insediamento al consiglio Comunale di Napoli, presso la sala dei Baroni al Maschio Angioino.

Preso atto che il low profile di Mario Draghi sul tema era solo un modo per traghettare la sua coalizione senza ulteriori tensioni, oltre le amministrative, la recente scelta di rilanciare il provvedimento di Autonomia Differenziata e associarlo al NADEF svela un orientamento netto della Presidenza del Consiglio: il Governo vede il Sud, con le sue Regioni e i suoi centri urbani, assolutamente periferici e subalterni nel rilancio del paese.
"Nel continuo do ut des che caratterizza le trattative sotto banco di questo governo così pieno di contraddizioni, l'inaspettata riesumazione della “secessione dei ricchi”, va letta come un liberi tutti, sussurrato all'orecchio della base leghista e dei suoi amministratori più rappresentativi.
Già oltre il 60% dei fondi europei tramite PNRR è stato assegnato al Nord, in barba alle precise prescrizioni europee. Ora stanno formalizzando il lasciapassare per spenderli senza controlli. Il sindaco di Napoli la capitale del Mezzogiorno stará a guardare?" ha dichiarato Antonio Luongo responsabile metropolitano della città di Napoli per il Partito del Sud.
La richiesta sarà formalizzata a breve all'ufficio stampa di Manfredi, associata alla richiesta di un incontro per avere garanzie sulla compattezza della nascente maggioranza su un un argomento che deve riguardare gli interessi dell'ntera cittadinanza indipendentemente dagli orientamenti dei partiti.

COMUNICATO STAMPA
Antonio Luongo, Resp. le Citta' Metropolitana Napoli x il Partito del Sud - Meridionalisti Progressisti sull'Autonomia Differenziata su "il Roma" di oggi 13/10/2021







.


lunedì 11 ottobre 2021

Natale Cuccurese: “Governo Draghi, il Governo più classista ed antimeridionale della storia della Repubblica”

Prima vi azzoppo e poi vi obbligo a gareggiare contro atleti sani, robusti ed iperallenati alle stesse Olimpiadi. Subito dopo avere perso inevitabilmente tutte le competizioni vi bullizzo, accusandovi di essere i soliti atleti fannulloni, incapaci e buoni a nulla.

Fuori metafora, questo è il trattamento riservato alle Regioni e ai Comuni meridionali dallo Stato patrigno italiano, che da circa venti anni li ha ancora di più azzoppati a tutto vantaggio delle Regioni e dei Comuni settentrionale tramite il “piede di porco” della spesa storica, per poi farli competere gli uni contro gli altri per accedere ai fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

In questo modo, i bandi per i diritti bandiscono i diritti al Sud, ma la “colpa” sarà sempre e solo la sua, e trasformano gli stessi diritti in privilegi al Nord, ma il “merito” sarà sempre e soltanto il suo.

Su questo argomento è intervenuto via social il Presidente del Partito del Sud,  Natale Cuccurese. Il Governo – ha scritto – sottovaluta gravemente la condizione degli Enti Locali. Afferma che i soldi ci sono e ora bisogna progettare e spendere. Ma è risaputo che ai Comuni, in modo particolare a quelli del Sud, causa i tagli degli anni passati, mancano le risorse umane e tecniche. Il Governo finge di ignorarlo. Al Comune di Napoli la situazione è drammatica da tempo, come denunciato da sempre da Luigi de Magistris, mentre solo ora improvvisamente se ne accorgono anche media locali e burattini senza fili inviati da Roma per normalizzare la città. Il Comune di Lecce ad esempio ha 373 dipendenti su una pianta organica di 722”.

Bisogna solo capire – ha proseguito Cuccurese – se anche questa situazione, voluta nel passato, fa parte di un unico progetto che mira a defraudare il Mezzogiorno della quota di fondi del Pnrr che gli dovrebbero essere riservati, per spostare così più soldi possibili al Nord, in attesa dell’autonomia differenziata. Anche questo possibile inganno serve a creare un clima dove sguazzano liberamente fascisti e razzisti, mentre la Lega resta al governo, servita e riverita”.

Fonte: Vesuvianonews - articolo Salvatore Lucchese



Leggi tutto »

Prima vi azzoppo e poi vi obbligo a gareggiare contro atleti sani, robusti ed iperallenati alle stesse Olimpiadi. Subito dopo avere perso inevitabilmente tutte le competizioni vi bullizzo, accusandovi di essere i soliti atleti fannulloni, incapaci e buoni a nulla.

Fuori metafora, questo è il trattamento riservato alle Regioni e ai Comuni meridionali dallo Stato patrigno italiano, che da circa venti anni li ha ancora di più azzoppati a tutto vantaggio delle Regioni e dei Comuni settentrionale tramite il “piede di porco” della spesa storica, per poi farli competere gli uni contro gli altri per accedere ai fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

In questo modo, i bandi per i diritti bandiscono i diritti al Sud, ma la “colpa” sarà sempre e solo la sua, e trasformano gli stessi diritti in privilegi al Nord, ma il “merito” sarà sempre e soltanto il suo.

Su questo argomento è intervenuto via social il Presidente del Partito del Sud,  Natale Cuccurese. Il Governo – ha scritto – sottovaluta gravemente la condizione degli Enti Locali. Afferma che i soldi ci sono e ora bisogna progettare e spendere. Ma è risaputo che ai Comuni, in modo particolare a quelli del Sud, causa i tagli degli anni passati, mancano le risorse umane e tecniche. Il Governo finge di ignorarlo. Al Comune di Napoli la situazione è drammatica da tempo, come denunciato da sempre da Luigi de Magistris, mentre solo ora improvvisamente se ne accorgono anche media locali e burattini senza fili inviati da Roma per normalizzare la città. Il Comune di Lecce ad esempio ha 373 dipendenti su una pianta organica di 722”.

Bisogna solo capire – ha proseguito Cuccurese – se anche questa situazione, voluta nel passato, fa parte di un unico progetto che mira a defraudare il Mezzogiorno della quota di fondi del Pnrr che gli dovrebbero essere riservati, per spostare così più soldi possibili al Nord, in attesa dell’autonomia differenziata. Anche questo possibile inganno serve a creare un clima dove sguazzano liberamente fascisti e razzisti, mentre la Lega resta al governo, servita e riverita”.

Fonte: Vesuvianonews - articolo Salvatore Lucchese



domenica 10 ottobre 2021

CONDANNA DEGLI ASSALTI FASCISTI E SOLIDARIETA' ALLA CGIL DAL PARTITO DEL SUD

Il Partito del Sud - Meridionalisti Progressisti condanna, senza se e senza ma, quanto accaduto a Roma con il vergognoso attacco alla sede della Cgil, a cui esprimiamo piena solidarietà.

Organizzazioni dichiaratamente fasciste e razziste, o pseudo tali e/o cammuffate vanno sciolte una volta per sempre, applicando tra l'altro la Costituzione. Personaggi organizzatori e/o creatori di queste vergogne, quasi sempre conosciuti da anni, devono scontare in carcere i loro crimini definitivamente ed essere in ogni caso soggetti a costanti controlli. La questione deve essere risolta una volta per tutte.




Leggi tutto »

Il Partito del Sud - Meridionalisti Progressisti condanna, senza se e senza ma, quanto accaduto a Roma con il vergognoso attacco alla sede della Cgil, a cui esprimiamo piena solidarietà.

Organizzazioni dichiaratamente fasciste e razziste, o pseudo tali e/o cammuffate vanno sciolte una volta per sempre, applicando tra l'altro la Costituzione. Personaggi organizzatori e/o creatori di queste vergogne, quasi sempre conosciuti da anni, devono scontare in carcere i loro crimini definitivamente ed essere in ogni caso soggetti a costanti controlli. La questione deve essere risolta una volta per tutte.




giovedì 7 ottobre 2021

Natale Cuccurese: “Pnrr, progetti irrigui: 29% al Sud e 71% al Nord. Ditelo alla Carfagna”

 


Il Governo di “unità nazionale” altro non è che il Governo unitario del “Grande Nord”, come dimostrano le continue, sistematiche e reiterate sottrazioni di risorse operate ai danni del Sud. L’ultimo scippo subito dai cittadini meridionali, prima sedotti e poi abbandonati da tutti i partiti sedicenti nazionali, è stato denunciato dal Presidente del Partito del Sud Natale Cuccurese, che, dati alla mano, via social, ha osservato: “Pnrr altro che 40% di fondi al Mezzogiorno come garantito dalla ministra per il Sud (?) Mara Carfagna. Progetti irrigui recentemente approvati dal Mipaaf: 29% al Mezzogiorno 71% al Centro-Nord”.





.


.

Leggi tutto »

 


Il Governo di “unità nazionale” altro non è che il Governo unitario del “Grande Nord”, come dimostrano le continue, sistematiche e reiterate sottrazioni di risorse operate ai danni del Sud. L’ultimo scippo subito dai cittadini meridionali, prima sedotti e poi abbandonati da tutti i partiti sedicenti nazionali, è stato denunciato dal Presidente del Partito del Sud Natale Cuccurese, che, dati alla mano, via social, ha osservato: “Pnrr altro che 40% di fondi al Mezzogiorno come garantito dalla ministra per il Sud (?) Mara Carfagna. Progetti irrigui recentemente approvati dal Mipaaf: 29% al Mezzogiorno 71% al Centro-Nord”.





.


.

mercoledì 6 ottobre 2021

QUESTA TORNATA ELETTORALE NON CI HA SORRISO, MA CONTINUEREMO A LOTTARE IN PIAZZA E TRA LA GENTE


Di Antonio Luongo

Questa tornata elettorale non ci ha sorriso. La coalizione di Alessandra Clemente con cui mi ero schierato, elegge solo 2 consiglieri comunali e purtroppo non ce l'ho fatta!

C'è da riflettere come sempre sui motivi della sconfitta, sull'incapacità di costruire relazioni efficaci con il resto dei candidati che si schieravano nel campo progressista, almeno per quelli che avevano condiviso tante visioni innovative negli ultimi anni, ma non rimpiango la scelta.
Era importante tracciare un confine su alcuni temi fondamentali, che continueranno a fare parte delle mie battaglie per la comunità, come la difesa dell'acqua pubblica, il rilancio delle periferie metropolitane e la questione meridionale, su cui solo la Clemente ha scelto di metterci la faccia e schierarsi.
Anzi, a testimonianza che ci avevo visto lungo, è di qualche giorno fa la notizia del ritorno di Draghi sull'autonomia differenziata, la secessione dei ricchi, che eravamo riusciti a far accantonare. Il governo nazionale è a trazione leghista e occorrerá un consiglio comunale forte, coeso e schierato.
Purtroppo, consentitemelo, sono preoccupato: si sprecano toni trionfalistici per una tornata elettorale dove più della metà dei cittadini ha scelto di restare a casa, ritenendo troppo scarsa l'offerta, il segno di un pericoloso scollamento tra classi dirigenti e città. Se a questo 47% togliamo un 2% di schede bianche e un 3,2%di schede nulle (complessivamente altri 20.000 cittadini) c'è ben poco da esultare: è la prima volta che il consiglio comunale rappresenta meno della metà dei napoletani.
In più la maggioranza di Manfredi si regge su liste civiche costruite last minute, col collante delle clientele e della cooptazione, non certo della visione politica. Speriamo di non assistere prima del tempo al mercato delle vacche.
Io e il Partito del Sud comunque vada, continueremo a lottare in piazza e tra la gente, perché il mio impegno politico, va al di lá delle poltrone. E non so quanti possono dire lo stesso al giorno d'oggi.


.
Leggi tutto »


Di Antonio Luongo

Questa tornata elettorale non ci ha sorriso. La coalizione di Alessandra Clemente con cui mi ero schierato, elegge solo 2 consiglieri comunali e purtroppo non ce l'ho fatta!

C'è da riflettere come sempre sui motivi della sconfitta, sull'incapacità di costruire relazioni efficaci con il resto dei candidati che si schieravano nel campo progressista, almeno per quelli che avevano condiviso tante visioni innovative negli ultimi anni, ma non rimpiango la scelta.
Era importante tracciare un confine su alcuni temi fondamentali, che continueranno a fare parte delle mie battaglie per la comunità, come la difesa dell'acqua pubblica, il rilancio delle periferie metropolitane e la questione meridionale, su cui solo la Clemente ha scelto di metterci la faccia e schierarsi.
Anzi, a testimonianza che ci avevo visto lungo, è di qualche giorno fa la notizia del ritorno di Draghi sull'autonomia differenziata, la secessione dei ricchi, che eravamo riusciti a far accantonare. Il governo nazionale è a trazione leghista e occorrerá un consiglio comunale forte, coeso e schierato.
Purtroppo, consentitemelo, sono preoccupato: si sprecano toni trionfalistici per una tornata elettorale dove più della metà dei cittadini ha scelto di restare a casa, ritenendo troppo scarsa l'offerta, il segno di un pericoloso scollamento tra classi dirigenti e città. Se a questo 47% togliamo un 2% di schede bianche e un 3,2%di schede nulle (complessivamente altri 20.000 cittadini) c'è ben poco da esultare: è la prima volta che il consiglio comunale rappresenta meno della metà dei napoletani.
In più la maggioranza di Manfredi si regge su liste civiche costruite last minute, col collante delle clientele e della cooptazione, non certo della visione politica. Speriamo di non assistere prima del tempo al mercato delle vacche.
Io e il Partito del Sud comunque vada, continueremo a lottare in piazza e tra la gente, perché il mio impegno politico, va al di lá delle poltrone. E non so quanti possono dire lo stesso al giorno d'oggi.


.

martedì 5 ottobre 2021

Il neosindaco Manfredi punta sulla crescita di Napoli, peccato che il Governo dei suoi “amici” dem e 5S proceda nella direzione opposta. La denuncia di Natale Cuccurese




 

Subito dopo essere stato eletto, il neosindaco di Napoli, Gaetano Manfredi da Nola, ha dichiarato che lo sviluppo di Napoli e dell’intero Mezzogiorno rappresenta una condizione imprescindibile per lo crescita non solo dell’Italia, ma anche dell’Europa.

Peccato, però, che le forze politiche che appoggiano il Governo nazionale, tra cui i suoi “amici” dem e pentastellati, procedano nella direzione diametralmente opposta tramite l’attuazione di politiche che, come al solito, avvantaggiano il Nord a tutto discapito del Sud.

Di recente, su questo argomento è intervenuto il Presidente del Partito del Sud Natale Cuccurese, che, via facebook, ha osservato: “Nelle ultime ore abbiamo assistito dapprima all’endorsement del ministro dello Sviluppo economico, il leghista Giancarlo Giorgetti, all’insediamento di uno stabilimento Intel a Mirafiori, Torino, anziché a Catania, contro la stessa volontà della multinazionale interessata alla “Etna Valley”. Privilegiando così come sempre il Nord e dimostrando nei fatti quanto poco gli importa del Mezzogiorno e del suo sviluppo, campanello d’allarme anche per il Pnrr, di cui il governo Draghi sta già da tempo predisponendo le modalità di scippo relativamente ai fondi teoricamente destinati al Sud, 65% del totale, in contrasto a quanto indicato dalla Ue”.

Poche ore dopo – ha proseguito Cuccurese – abbiamo assistito da parte di Draghi alla riesumazione della “secessione dei ricchi” nel Nadef, nella cui versione finale torna l’autonomia differenziata, visto che nella notte fra il 29 e 30 settembre una manina interessata ha inserito il testo sulla prosecuzione del cammino dell’ Autonomia differenziata assente nella bozza entrata in Cdm. Anche questo è un favore ai nordisti Zaia, Giorgetti & C”.

Anche per questo, ma non solo, pensiamo alla e gabbie salariali o alla soppressione del southworking, – ha concluso Cuccurese – possiamo definire quello di Draghi come il governo più classista e antimeridionale della storia della Repubblica. Utile ricordare che questo governo è sostenuto da tutti i partiti, nessuno escluso, presenti in Parlamento”.

Fonte: Vesuvianonews-articolo Salvatore Lucchese


.

Leggi tutto »




 

Subito dopo essere stato eletto, il neosindaco di Napoli, Gaetano Manfredi da Nola, ha dichiarato che lo sviluppo di Napoli e dell’intero Mezzogiorno rappresenta una condizione imprescindibile per lo crescita non solo dell’Italia, ma anche dell’Europa.

Peccato, però, che le forze politiche che appoggiano il Governo nazionale, tra cui i suoi “amici” dem e pentastellati, procedano nella direzione diametralmente opposta tramite l’attuazione di politiche che, come al solito, avvantaggiano il Nord a tutto discapito del Sud.

Di recente, su questo argomento è intervenuto il Presidente del Partito del Sud Natale Cuccurese, che, via facebook, ha osservato: “Nelle ultime ore abbiamo assistito dapprima all’endorsement del ministro dello Sviluppo economico, il leghista Giancarlo Giorgetti, all’insediamento di uno stabilimento Intel a Mirafiori, Torino, anziché a Catania, contro la stessa volontà della multinazionale interessata alla “Etna Valley”. Privilegiando così come sempre il Nord e dimostrando nei fatti quanto poco gli importa del Mezzogiorno e del suo sviluppo, campanello d’allarme anche per il Pnrr, di cui il governo Draghi sta già da tempo predisponendo le modalità di scippo relativamente ai fondi teoricamente destinati al Sud, 65% del totale, in contrasto a quanto indicato dalla Ue”.

Poche ore dopo – ha proseguito Cuccurese – abbiamo assistito da parte di Draghi alla riesumazione della “secessione dei ricchi” nel Nadef, nella cui versione finale torna l’autonomia differenziata, visto che nella notte fra il 29 e 30 settembre una manina interessata ha inserito il testo sulla prosecuzione del cammino dell’ Autonomia differenziata assente nella bozza entrata in Cdm. Anche questo è un favore ai nordisti Zaia, Giorgetti & C”.

Anche per questo, ma non solo, pensiamo alla e gabbie salariali o alla soppressione del southworking, – ha concluso Cuccurese – possiamo definire quello di Draghi come il governo più classista e antimeridionale della storia della Repubblica. Utile ricordare che questo governo è sostenuto da tutti i partiti, nessuno escluso, presenti in Parlamento”.

Fonte: Vesuvianonews-articolo Salvatore Lucchese


.

venerdì 1 ottobre 2021

Accordo fra Risorgimento Socialista e Partito del Sud per le elezioni comunali di Napoli e Milano

 Di Natale Cuccurese

Conosco Franco Bartolomei, Segretario politico di Risorgimento Socialista, dalle scorse elezioni politiche nazionali 2018 in cui i nostri due Partiti hanno collaborato. 

Credo che la sinergia fra meridionalisti e socialisti nasca in modo automatico, soprattutto se pensiamo alle radici di questi due movimenti che trovano nelle acute analisi del socialista e meridionalista Gaetano Salvemini alcuni dei momenti più alti. 

Testi come "La rivoluzione del ricco" e le "Lezioni di Harvard" sono ancora attualissimi e certificano purtroppo il percorso del gambero compiuto dal nostro Paese negli ultimi anni. Allora come oggi dominati da una oligarchia dei "migliori" che di democratico ha poco, cento anni che sembra passati invano sulla strada della democrazia e dei diritti.

Naturale quindi sancire fra di noi, dove possibile, un accordo per le elezioni del 3 e 4 ottobre, relativo ai Comuni di Milano e Napoli.



Di conseguenza a Milano, il Partito del Sud appoggerà il candidato di Risorgimento Socialista Mario Bonetti candidato con Milano In Comune, mentre a Napoli, Risorgimento Socialista appoggerà Antonio Luongo il candidato del Partito del Sud al comune di Napoli con Alessandra Clemente Sindaco



Mi auguro questo accordo fra i nostri due Partiti possa essere spunto per future sinergie .

A questo link  il Comunicato di Risorgimento Socialista





.




.






Leggi tutto »

 Di Natale Cuccurese

Conosco Franco Bartolomei, Segretario politico di Risorgimento Socialista, dalle scorse elezioni politiche nazionali 2018 in cui i nostri due Partiti hanno collaborato. 

Credo che la sinergia fra meridionalisti e socialisti nasca in modo automatico, soprattutto se pensiamo alle radici di questi due movimenti che trovano nelle acute analisi del socialista e meridionalista Gaetano Salvemini alcuni dei momenti più alti. 

Testi come "La rivoluzione del ricco" e le "Lezioni di Harvard" sono ancora attualissimi e certificano purtroppo il percorso del gambero compiuto dal nostro Paese negli ultimi anni. Allora come oggi dominati da una oligarchia dei "migliori" che di democratico ha poco, cento anni che sembra passati invano sulla strada della democrazia e dei diritti.

Naturale quindi sancire fra di noi, dove possibile, un accordo per le elezioni del 3 e 4 ottobre, relativo ai Comuni di Milano e Napoli.



Di conseguenza a Milano, il Partito del Sud appoggerà il candidato di Risorgimento Socialista Mario Bonetti candidato con Milano In Comune, mentre a Napoli, Risorgimento Socialista appoggerà Antonio Luongo il candidato del Partito del Sud al comune di Napoli con Alessandra Clemente Sindaco



Mi auguro questo accordo fra i nostri due Partiti possa essere spunto per future sinergie .

A questo link  il Comunicato di Risorgimento Socialista





.




.






mercoledì 29 settembre 2021

IL SOLO "VOTO UTILE" PER IL SUD E' UN VOTO MERIDIONALISTA. VOTA E FAI VOTARE PER I CANDIDATI DEL PARTITO DEL SUD.

Domenica 3 e lunedì 4 ottobre si vota per le elezioni regionali in Calabria e per il rinnovo dei Consigli comunali in decine di Comuni italiani. Come sapete il Partito del Sud è presente con i propri candidati in Calabria, a Napoli, a Castelforte (LT) e a Roma col proprio simbolo.

I nostri Candidati in Calabria a sostegno della candidatura di LUIGI DE MAGISTRIS saranno presenti nella Lista "CALABRIA RESISTENTE E SOLIDALE", capeggiati dall’infaticabile GIUSEPPE SPADAFORA - Coord. Regionale Calabria per il Partito del Sud – Candidato nella Circoscrizione Nord (Cosenza). Nella Circoscrizione Centro (Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia) il nostro candidato è GIUSEPPE BUFFA e per la Circoscrizione Sud (Reggio Calabria) saremo presenti con MASSIMO COGLIANDRO.

A Napoli i nostri candidati, anche nelle Municipalità, saranno presenti nella Lista "ALESSANDRA CLEMENTE SINDACO", capeggiati dall’infaticabile ANTONIO LUONGO -Resp.le Città Metropolitana di Napoli per il Partito del Sud - nei primi posti della lista.

A Castelforte sosteniamo ANTONIO ROSATO, Coordinatore Regionale Lazio del Partito del Sud e Consigliere Comunale di maggioranza uscente, eletto per la prima volta nella scorsa legislatura, presente anche quest'anno nella Lista "CASTELFORTE FUTURA" con GIANCARLO CARDILLO Sindaco.

A Roma saremo presenti con il nostro simbolo, nella Lista “ROMA TI RIGUARDA” a sostegno di PAOLO BERDINI Sindaco, con nostri candidati GIUSEPPE LIPARI per il Comune ed ENZO RICCIO per il Municipio VIII,

Il perché è presto detto: per dare un vero voto meridionalista e progressista!
L'unico voto realmente utile per il Mezzogiorno.

E’ ora di dire, più che mai, la verità: il meridionalismo nasce dal pensiero storico di illustri personaggi come ad esempio Antonio Gramsci, Guido Dorso, Gaetano Salvemini, tutte figure con radici ben salde nel pensiero progressista e non nel populismo e nel qualunquismo. Il resto sono chiacchiere ammaliatrici di interessati pifferai.

Stendiamo poi un velo pietoso sulle altre liste presenti in questi territori, sia di centro-destra che di centro-"sinistra", tutte indifferentemente espressione della vecchia politica consociativistica, figlia del patto di governo con Draghi.

A sostegno dei candidati di centrodestra forze e personaggi non solo di destra estrema, ma anche storicamente contro il Sud come la Lega, che nel corso degli anni non hanno risparmiato dichiarazioni offensive e razziste contro il Mezzogiorno e i suoi cittadini.

Dalla parte del centrosinistra ovunque una accozzaglia di liste pseudo progressiste integrate da ex forzisti, destrorsi, ex DC cotti e stracotti, trasformisti, renziani schierati contro il RdC unica fonte di reddito per tante famiglie senza lavoro, soprattutto al Sud, integrate dalla ciliegina del M5s, che dopo aver ricevuto dal Sud nelle ultime politiche una massa enorme di voti, ora per bocca dell’ex PdC Conte, parla di questione settentrionale e Milano locomotiva. Questi ultimi in particolare chiederanno, come sempre, il "voto utile" per "fermare le destre", di cui però hanno piene le liste, per poi governare in Parlamento con quelle stesse destre, tutti uniti contro il Mezzogiorno per scippargli i fondi del Pnrr, nella quota del 65% indicata dalla Ue e a solo vantaggio dei territori del Nord, quelli della Locomotiva...

Periferie, difesa identitaria della città, difesa dell’acqua e dei beni comuni, lotta contro le politiche sull’Autonomia differenziata, difesa dell’ambiente e dei diritti di cittadinanza di tutti, soluzione della Questione Meridionale", Pnrr ripartito secondo i criteri europei e non al ribasso come vuole il governo Draghi, caratterizzeranno invece e come sempre il nostro impegno a favore del Mezzogiorno!

Esortiamo i nostri iscritti e simpatizzanti a dare con fiducia e convinzione il loro voto ai nostri candidati sui territori, a sostenere le liste in cui sono presenti, ma soprattutto a diffondere la notizia della loro presenza nelle liste e ad invitare amici e conoscenti residenti nei territori al voto a votarli con convinzione!

Natale Cuccurese
Presidente del Partito del Sud




Leggi tutto »

Domenica 3 e lunedì 4 ottobre si vota per le elezioni regionali in Calabria e per il rinnovo dei Consigli comunali in decine di Comuni italiani. Come sapete il Partito del Sud è presente con i propri candidati in Calabria, a Napoli, a Castelforte (LT) e a Roma col proprio simbolo.

I nostri Candidati in Calabria a sostegno della candidatura di LUIGI DE MAGISTRIS saranno presenti nella Lista "CALABRIA RESISTENTE E SOLIDALE", capeggiati dall’infaticabile GIUSEPPE SPADAFORA - Coord. Regionale Calabria per il Partito del Sud – Candidato nella Circoscrizione Nord (Cosenza). Nella Circoscrizione Centro (Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia) il nostro candidato è GIUSEPPE BUFFA e per la Circoscrizione Sud (Reggio Calabria) saremo presenti con MASSIMO COGLIANDRO.

A Napoli i nostri candidati, anche nelle Municipalità, saranno presenti nella Lista "ALESSANDRA CLEMENTE SINDACO", capeggiati dall’infaticabile ANTONIO LUONGO -Resp.le Città Metropolitana di Napoli per il Partito del Sud - nei primi posti della lista.

A Castelforte sosteniamo ANTONIO ROSATO, Coordinatore Regionale Lazio del Partito del Sud e Consigliere Comunale di maggioranza uscente, eletto per la prima volta nella scorsa legislatura, presente anche quest'anno nella Lista "CASTELFORTE FUTURA" con GIANCARLO CARDILLO Sindaco.

A Roma saremo presenti con il nostro simbolo, nella Lista “ROMA TI RIGUARDA” a sostegno di PAOLO BERDINI Sindaco, con nostri candidati GIUSEPPE LIPARI per il Comune ed ENZO RICCIO per il Municipio VIII,

Il perché è presto detto: per dare un vero voto meridionalista e progressista!
L'unico voto realmente utile per il Mezzogiorno.

E’ ora di dire, più che mai, la verità: il meridionalismo nasce dal pensiero storico di illustri personaggi come ad esempio Antonio Gramsci, Guido Dorso, Gaetano Salvemini, tutte figure con radici ben salde nel pensiero progressista e non nel populismo e nel qualunquismo. Il resto sono chiacchiere ammaliatrici di interessati pifferai.

Stendiamo poi un velo pietoso sulle altre liste presenti in questi territori, sia di centro-destra che di centro-"sinistra", tutte indifferentemente espressione della vecchia politica consociativistica, figlia del patto di governo con Draghi.

A sostegno dei candidati di centrodestra forze e personaggi non solo di destra estrema, ma anche storicamente contro il Sud come la Lega, che nel corso degli anni non hanno risparmiato dichiarazioni offensive e razziste contro il Mezzogiorno e i suoi cittadini.

Dalla parte del centrosinistra ovunque una accozzaglia di liste pseudo progressiste integrate da ex forzisti, destrorsi, ex DC cotti e stracotti, trasformisti, renziani schierati contro il RdC unica fonte di reddito per tante famiglie senza lavoro, soprattutto al Sud, integrate dalla ciliegina del M5s, che dopo aver ricevuto dal Sud nelle ultime politiche una massa enorme di voti, ora per bocca dell’ex PdC Conte, parla di questione settentrionale e Milano locomotiva. Questi ultimi in particolare chiederanno, come sempre, il "voto utile" per "fermare le destre", di cui però hanno piene le liste, per poi governare in Parlamento con quelle stesse destre, tutti uniti contro il Mezzogiorno per scippargli i fondi del Pnrr, nella quota del 65% indicata dalla Ue e a solo vantaggio dei territori del Nord, quelli della Locomotiva...

Periferie, difesa identitaria della città, difesa dell’acqua e dei beni comuni, lotta contro le politiche sull’Autonomia differenziata, difesa dell’ambiente e dei diritti di cittadinanza di tutti, soluzione della Questione Meridionale", Pnrr ripartito secondo i criteri europei e non al ribasso come vuole il governo Draghi, caratterizzeranno invece e come sempre il nostro impegno a favore del Mezzogiorno!

Esortiamo i nostri iscritti e simpatizzanti a dare con fiducia e convinzione il loro voto ai nostri candidati sui territori, a sostenere le liste in cui sono presenti, ma soprattutto a diffondere la notizia della loro presenza nelle liste e ad invitare amici e conoscenti residenti nei territori al voto a votarli con convinzione!

Natale Cuccurese
Presidente del Partito del Sud




venerdì 24 settembre 2021

IL 3 E IL 4 OTTOBRE SI VOTA PER LE COMUNALI A CASTELFORTE (LT) E IL PARTITO DEL SUD SARA' PRESENTE A SOSTEGNO DI GIANCARLO CARDILLO SINDACO!

Elezioni Amministrative Castelforte 2021– Avanti con “Castelforte Futura”

 

In questi anni abbiamo sempre seguito, come Sezione locale del Partito del Sud, le vicende politiche a Castelforte, nonchè il difficile e accidentato percorso amministrativo che inevitabilmente ha portato a questa nuova chiamata alle urne. Cinque anni fa abbiamo partecipato alla costruzione di Castelforte Futura con Giancarlo Cardillo Sindaco. Progetto che si è rilevato vincente, risolvendo una crisi che era diventata insanabile per il nostro Comune e che aveva portato la cittadinanza a subire sulla propria pelle le conseguenza di una non amministrazione protrattasi, forse, anche oltre il dovuto.

Il nostro nuovo percorso amministrativo è stato pensato, architettato e costruito per superare finalmente il passato e iniziare seriamente a costruire il futuro. Castelforte è stata ricostruita sulle macerie, prima con quelle lasciate dalla guerra, poi con quelle lasciate del centrodestra. Abbiamo iniziato in questa legislatura a ricostruire Castelforte assieme a tutti quei cittadini che ci hanno voluto sostenere in questi cinque anni. Castelforte Futura a nostro avviso resta l’unico strumento politico che può davvero far continuare Castelforte sulla strada di rinascita, e Giancarlo Cardillo con le persone accuratamente scelte, assolutamente nuove e lontane da ogni qualsivoglia sospetto o interessi personali, sono l’utensile politico di cui Castelforte ha bisogno per la ricostruzione. Idee già ben chiare per continuare su priorità, progetti e fatti concreti per il bene comune dei quali non si può non tener conto. L’entusiasmo che avvolge già da tempo Castelforte Futura, nuove idee e nuovi amministratori hanno scoperchiato quella potenzialità e quelle energie di cui questo territorio è ricco da sempre e che riteniamo di vere valorizzato con l’azione della Giunta. Castelforte Futura continuerà a fare di Castelforte un Comune più vicino ai bisogni reali dei cittadini e del bene comune. 

Per questo sosteniamo Antonio Rosato, Coordinatore Regionale Lazio del Partito del Sud e Consigliere Comunale di maggioranza uscente, eletto per la prima volta nella scorsa legislatura, presente anche quest'anno nella Lista Castelforte Futura e dichiariamo vicinanza, insieme a quella della intera Sezione di Castelforte del Partito del Sud, a Giancarlo Cardillo e a Castelforte Futura. Il nostro sostegno alla Lista Castelforte Futura non mancherà certamente per queste elezioni comunali del 2021 così come già avvenuto per quelle di cinque anni fa.

In Bocca al Lupo a Giancarlo ad Antonio e a Castelforte.


COORD. REGIONALE LAZIO DEL PARTITO DEL SUD




 

Leggi tutto »

Elezioni Amministrative Castelforte 2021– Avanti con “Castelforte Futura”

 

In questi anni abbiamo sempre seguito, come Sezione locale del Partito del Sud, le vicende politiche a Castelforte, nonchè il difficile e accidentato percorso amministrativo che inevitabilmente ha portato a questa nuova chiamata alle urne. Cinque anni fa abbiamo partecipato alla costruzione di Castelforte Futura con Giancarlo Cardillo Sindaco. Progetto che si è rilevato vincente, risolvendo una crisi che era diventata insanabile per il nostro Comune e che aveva portato la cittadinanza a subire sulla propria pelle le conseguenza di una non amministrazione protrattasi, forse, anche oltre il dovuto.

Il nostro nuovo percorso amministrativo è stato pensato, architettato e costruito per superare finalmente il passato e iniziare seriamente a costruire il futuro. Castelforte è stata ricostruita sulle macerie, prima con quelle lasciate dalla guerra, poi con quelle lasciate del centrodestra. Abbiamo iniziato in questa legislatura a ricostruire Castelforte assieme a tutti quei cittadini che ci hanno voluto sostenere in questi cinque anni. Castelforte Futura a nostro avviso resta l’unico strumento politico che può davvero far continuare Castelforte sulla strada di rinascita, e Giancarlo Cardillo con le persone accuratamente scelte, assolutamente nuove e lontane da ogni qualsivoglia sospetto o interessi personali, sono l’utensile politico di cui Castelforte ha bisogno per la ricostruzione. Idee già ben chiare per continuare su priorità, progetti e fatti concreti per il bene comune dei quali non si può non tener conto. L’entusiasmo che avvolge già da tempo Castelforte Futura, nuove idee e nuovi amministratori hanno scoperchiato quella potenzialità e quelle energie di cui questo territorio è ricco da sempre e che riteniamo di vere valorizzato con l’azione della Giunta. Castelforte Futura continuerà a fare di Castelforte un Comune più vicino ai bisogni reali dei cittadini e del bene comune. 

Per questo sosteniamo Antonio Rosato, Coordinatore Regionale Lazio del Partito del Sud e Consigliere Comunale di maggioranza uscente, eletto per la prima volta nella scorsa legislatura, presente anche quest'anno nella Lista Castelforte Futura e dichiariamo vicinanza, insieme a quella della intera Sezione di Castelforte del Partito del Sud, a Giancarlo Cardillo e a Castelforte Futura. Il nostro sostegno alla Lista Castelforte Futura non mancherà certamente per queste elezioni comunali del 2021 così come già avvenuto per quelle di cinque anni fa.

In Bocca al Lupo a Giancarlo ad Antonio e a Castelforte.


COORD. REGIONALE LAZIO DEL PARTITO DEL SUD




 

 
[Privacy]
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Hot Sonakshi Sinha, Car Price in India