giovedì 9 luglio 2020

Roma 11 Luglio Lab-Sud: “Il Meridionalismo Che Cambia”

Riesplosa nel corso dell’ultimo ventennio a causa di precise scelte politiche che, ancora oggi, mirano a foraggiare sistematicamente la “locomotiva” Nord a discapito della “palla al piede Sud”, a partire dalla mobilitazione contro l’attuazione del federalismo asimmetrico ed estrattivo richiesto dalle Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, la “nuova questione meridionale” è tornata ad essere oggetto di un serrato confronto politico-culturale alimentato da partiti politici, comitati, associazioni, movimenti, giornali, centri di ricerca, università, riviste, attivisti, militanti, studiosi ed intellettuali.
E’ all’interno di questo contesto che, promossa da Rif. Comunista, dal Partito del Sud, da Transform!Italia e dalla rivista Left, è nato “Lab-Sud. La riscossa del Sud.
Ora, dopo quasi un anno di analisi, approfondimenti e dibattiti, sabato 11 luglio, alle ore 10:30, a Roma, via Flaminia 53, promosso proprio da Lab-Sud, si terrà l’incontro-dibattito: “Il meridionalismo che cambia”.
In occasione dell’incontro, che sarà trasmesso in diretta streaming sulle pagine facebook di Transform!Italia e di Left, sarà presentata la “Carta dei diritti per il Mezzogiorno”, incentrata, tra gli altri, sui temi della riconversione ecologica, della tutela della salute e della valorizzazione delle risorse agricole.



Leggi tutto »
Riesplosa nel corso dell’ultimo ventennio a causa di precise scelte politiche che, ancora oggi, mirano a foraggiare sistematicamente la “locomotiva” Nord a discapito della “palla al piede Sud”, a partire dalla mobilitazione contro l’attuazione del federalismo asimmetrico ed estrattivo richiesto dalle Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, la “nuova questione meridionale” è tornata ad essere oggetto di un serrato confronto politico-culturale alimentato da partiti politici, comitati, associazioni, movimenti, giornali, centri di ricerca, università, riviste, attivisti, militanti, studiosi ed intellettuali.
E’ all’interno di questo contesto che, promossa da Rif. Comunista, dal Partito del Sud, da Transform!Italia e dalla rivista Left, è nato “Lab-Sud. La riscossa del Sud.
Ora, dopo quasi un anno di analisi, approfondimenti e dibattiti, sabato 11 luglio, alle ore 10:30, a Roma, via Flaminia 53, promosso proprio da Lab-Sud, si terrà l’incontro-dibattito: “Il meridionalismo che cambia”.
In occasione dell’incontro, che sarà trasmesso in diretta streaming sulle pagine facebook di Transform!Italia e di Left, sarà presentata la “Carta dei diritti per il Mezzogiorno”, incentrata, tra gli altri, sui temi della riconversione ecologica, della tutela della salute e della valorizzazione delle risorse agricole.



giovedì 2 luglio 2020

Cuccurese (Partito del Sud): 'Perché sosteniamo Emiliano'

Il Partito del Sud - Meridionalisti Progressisti conferma la presentazione, per le prossime elezioni regionali in Puglia, di una lista con il proprio simbolo a sostegno del presidente uscente Michele Emiliano. Il Presidente nazionale, Natale Cuccurese, espone alcuni dei motivi alla base della decisione:
Partito Sud
Si dice che il paese non riparte senza il Sud. Ma poi permangono le differenze. Perchè?
Perché come dimostrato anche dall’ultimo Rapporto Eurispes 2020, la sottrazione al Sud di risorse a vantaggio del Nord, dovute in base alla semplice percentuale della popolazione residente (34%) è massiccia e pervasiva ed ammonta a ben 840 Miliardi di Euro solo nel periodo dal 2000 al 2017, a ancora continua al ritmo di 61,3 Miliardi all’anno. 
Basta guardare solamente la differenza in infrastrutture per rendersene conto. Si è arrivati all’attuale situazione di un Paese a due velocità che ha portato alla richiesta egoistica di Autonomia differenziata da parte di alcune Regioni del Nord. Una deriva pericolosa per l’unità nazionale che noi avversiamo. Abbiamo molto apprezzato su questo tema la posizione di Michele Emiliano, è anche questo uno dei motivi, non il solo, che ci ha convinto a sostenerlo anche in queste elezioni regionali, confermando il sostegno che già gli avevamo garantito nelle precedenti. 
Emiliano Cuccurese
Perché votare la lista Partito del Sud?
Quella delle prossime elezioni regionali è un’occasione che la Puglia deve saper cogliere ponendosi come obiettivo quello di ribaltare la prospettiva geografica ed essere tra le Regioni guida del Sud, aiutando la ripartenza di quest’area della penisola e con essa dell’intero sistema Paese. La Lega, con la sua dottrina di odio e rancore, è la nostra principale avversaria. Dobbiamo costruire, insieme alle altre forze di sinistra un argine contro questa destra aggressiva e che si presenta in Puglia con tratti tutt’altro che nuovi, mescolando all’antimeridionalismo che la Lega ha abbandonato solo di facciata, forti pulsioni d'ispirazione neo-fascista, in un crogiolo esplosivo fatto di forze in cerca di radicamento e di leadership nella gestione del malcontento soprattutto in questo momento di emergenza causa pandemia.
Sarebbe un danno molto serio, per la Puglia, per il Sud, per la tenuta democratica del Paese l’affermarsi di queste derive. Bisogna impedirlo! Anche per questo è per noi essenziale sostenere Michele Emiliano. Nel contempo le pretese regionalistiche impongono la presenza meridionalista all’interno delle Regioni in funzione non solo di contrasto ma anche di proposta alternativa.
"Noi del Partito del Sud - conclude Cuccurese - su questi temi non ci arrendiamo e chiediamo a tutti i cittadini pugliesi di unirsi a noi in questa lotta per dare al futuro governo della Puglia un’impronta sempre più meridionalista".
(geormini@gmail.com)


.

Leggi tutto »
Il Partito del Sud - Meridionalisti Progressisti conferma la presentazione, per le prossime elezioni regionali in Puglia, di una lista con il proprio simbolo a sostegno del presidente uscente Michele Emiliano. Il Presidente nazionale, Natale Cuccurese, espone alcuni dei motivi alla base della decisione:
Partito Sud
Si dice che il paese non riparte senza il Sud. Ma poi permangono le differenze. Perchè?
Perché come dimostrato anche dall’ultimo Rapporto Eurispes 2020, la sottrazione al Sud di risorse a vantaggio del Nord, dovute in base alla semplice percentuale della popolazione residente (34%) è massiccia e pervasiva ed ammonta a ben 840 Miliardi di Euro solo nel periodo dal 2000 al 2017, a ancora continua al ritmo di 61,3 Miliardi all’anno. 
Basta guardare solamente la differenza in infrastrutture per rendersene conto. Si è arrivati all’attuale situazione di un Paese a due velocità che ha portato alla richiesta egoistica di Autonomia differenziata da parte di alcune Regioni del Nord. Una deriva pericolosa per l’unità nazionale che noi avversiamo. Abbiamo molto apprezzato su questo tema la posizione di Michele Emiliano, è anche questo uno dei motivi, non il solo, che ci ha convinto a sostenerlo anche in queste elezioni regionali, confermando il sostegno che già gli avevamo garantito nelle precedenti. 
Emiliano Cuccurese
Perché votare la lista Partito del Sud?
Quella delle prossime elezioni regionali è un’occasione che la Puglia deve saper cogliere ponendosi come obiettivo quello di ribaltare la prospettiva geografica ed essere tra le Regioni guida del Sud, aiutando la ripartenza di quest’area della penisola e con essa dell’intero sistema Paese. La Lega, con la sua dottrina di odio e rancore, è la nostra principale avversaria. Dobbiamo costruire, insieme alle altre forze di sinistra un argine contro questa destra aggressiva e che si presenta in Puglia con tratti tutt’altro che nuovi, mescolando all’antimeridionalismo che la Lega ha abbandonato solo di facciata, forti pulsioni d'ispirazione neo-fascista, in un crogiolo esplosivo fatto di forze in cerca di radicamento e di leadership nella gestione del malcontento soprattutto in questo momento di emergenza causa pandemia.
Sarebbe un danno molto serio, per la Puglia, per il Sud, per la tenuta democratica del Paese l’affermarsi di queste derive. Bisogna impedirlo! Anche per questo è per noi essenziale sostenere Michele Emiliano. Nel contempo le pretese regionalistiche impongono la presenza meridionalista all’interno delle Regioni in funzione non solo di contrasto ma anche di proposta alternativa.
"Noi del Partito del Sud - conclude Cuccurese - su questi temi non ci arrendiamo e chiediamo a tutti i cittadini pugliesi di unirsi a noi in questa lotta per dare al futuro governo della Puglia un’impronta sempre più meridionalista".
(geormini@gmail.com)


.

mercoledì 1 luglio 2020

Regionali Campania, Partito del Sud aderisce all’appello di Stop Biocidio.


“Aderiamo all’appello di Stop Biocidio”. È quanto dichiara il responsabile area metropolitana del Partito del Sud, Antonio Luongo. Una decisione presa con piena adesione degli attivisti di tutta la regione Campania.
“Da uomo delle periferie – dichiara Luongo – ho un’esperienza, purtroppo vasta, di devastazioni ambientali che vanno a braccetto con le speculazione economica e finanziaria. Proprio sull’immondizia e sugli abusi che si celano dietro il ciclo dei rifiuti ho speso tantissimi anni, a partire dalla bomba ambientale che era la discarica dei Pisani, a Pianura”.
Un impegno sul territorio che oggi si traduce in appoggio ai movimenti di Stop Biocidio.
“Come attivista, prima, e successivamente, come consigliere dell’ente idrico Campano, combatto una battaglia, su cui pure si intrecciano in continuazione grandi interessi capitalisti e sfruttamento, senza mai cedere a pressioni e compromessi al ribasso: la battaglia è quella dell’acqua pubblica.
Non posso e non possiamo quindi non dare sostegno ad un percorso che punta a rompere il cartello di istituzioni deviate, collusione, mafie, degrado ambientale e impoverimento economico, i cittadini campani devono poter scegliere almeno una forza politica che rivendichi un punto di vista altro, un vero cambiamento di registro, un nuovo corso che si smarchi dalle solite logiche espressioni di lobby e interessi”. “Sono sempre gli stessi nomi, le stesse ramificazioni in quella mala politica che ha voluto e decretato la devastazione dei territori sui quali ha sciacallato, o quando ha tentato, ha dimostrato di non sapere nemmeno da dove iniziare per provare a incidere.   Un maldestro remake di un film visto e rivisto, con un finale che, purtroppo, non è mai piaciuto a nessuno”.
Il Partito del Sud, con forza sottolinea quanto questa politica sia in rapporto di sudditanza con i centri di potere che si trovano al settentrione. Rapporto confermato dal fatto che “in nessun programma troverete un NO chiaro e netto all’Autonomia differenziata, che condannerebbe la Campania a sprofondare nel degrado relegandola al ruolo di una colonia da spolpare”. “La presenza di Partito del Sud, in una aggregazione progressista che vedrà presto la luce, alternativa a Caldoro e De Luca, per la candidatura alle regionali, metterà al centro una battaglia: uno sviluppo sano che riparta dal Sud, che si traduce in una equa distribuzione delle risorse da parte dello stato centrale, per scrollarsi di dosso la puzza di vecchio e la convinzione che nulla mai cambierà”.


.
Leggi tutto »

“Aderiamo all’appello di Stop Biocidio”. È quanto dichiara il responsabile area metropolitana del Partito del Sud, Antonio Luongo. Una decisione presa con piena adesione degli attivisti di tutta la regione Campania.
“Da uomo delle periferie – dichiara Luongo – ho un’esperienza, purtroppo vasta, di devastazioni ambientali che vanno a braccetto con le speculazione economica e finanziaria. Proprio sull’immondizia e sugli abusi che si celano dietro il ciclo dei rifiuti ho speso tantissimi anni, a partire dalla bomba ambientale che era la discarica dei Pisani, a Pianura”.
Un impegno sul territorio che oggi si traduce in appoggio ai movimenti di Stop Biocidio.
“Come attivista, prima, e successivamente, come consigliere dell’ente idrico Campano, combatto una battaglia, su cui pure si intrecciano in continuazione grandi interessi capitalisti e sfruttamento, senza mai cedere a pressioni e compromessi al ribasso: la battaglia è quella dell’acqua pubblica.
Non posso e non possiamo quindi non dare sostegno ad un percorso che punta a rompere il cartello di istituzioni deviate, collusione, mafie, degrado ambientale e impoverimento economico, i cittadini campani devono poter scegliere almeno una forza politica che rivendichi un punto di vista altro, un vero cambiamento di registro, un nuovo corso che si smarchi dalle solite logiche espressioni di lobby e interessi”. “Sono sempre gli stessi nomi, le stesse ramificazioni in quella mala politica che ha voluto e decretato la devastazione dei territori sui quali ha sciacallato, o quando ha tentato, ha dimostrato di non sapere nemmeno da dove iniziare per provare a incidere.   Un maldestro remake di un film visto e rivisto, con un finale che, purtroppo, non è mai piaciuto a nessuno”.
Il Partito del Sud, con forza sottolinea quanto questa politica sia in rapporto di sudditanza con i centri di potere che si trovano al settentrione. Rapporto confermato dal fatto che “in nessun programma troverete un NO chiaro e netto all’Autonomia differenziata, che condannerebbe la Campania a sprofondare nel degrado relegandola al ruolo di una colonia da spolpare”. “La presenza di Partito del Sud, in una aggregazione progressista che vedrà presto la luce, alternativa a Caldoro e De Luca, per la candidatura alle regionali, metterà al centro una battaglia: uno sviluppo sano che riparta dal Sud, che si traduce in una equa distribuzione delle risorse da parte dello stato centrale, per scrollarsi di dosso la puzza di vecchio e la convinzione che nulla mai cambierà”.


.

lunedì 29 giugno 2020

Elezioni Comunali di Reggio Calabria: “Il Partito del Sud appoggia il sindaco Falcomatà”


@GazzettadelSud 


                                                  @quotidianodelSud-Reggio Calabria






.
Leggi tutto »

@GazzettadelSud 


                                                  @quotidianodelSud-Reggio Calabria






.

Elezioni comunali, il partito del Sud si schiera al fianco del sindaco Falcomatà

Elezioni comunali, il partito del Sud si schiera al fianco del sindaco Falcomatà
I meridionalisti progressisti Spadafora, Romeo e Coliandro lanciano un appello agli elettori e ribadiscono che "l’unica alternativa sociale concreta è meridionalista"





Elezioni comunali, il partito del Sud si schiera al fianco del sindaco Falcomatà
"Riportare la nuova questione meridionale al centro dell'agenda politica nazionale. Questo l'obiettivo essenziale del Partito del Sud che, continuando nel suo percorso meridionalista gramsciano, con forti e giustificate aspirazioni euromediterranee, ha deciso di sostenere con la lista a proprio simbolo a Reggio Calabria la candidatura del Sindaco Giuseppe Falcomatà, di cui nell’azione politica sempre al servizio del proprio territorio, è indubbia l’efficacia organizzativa messa in mostra negli ultimi drammatici mesi".
E' quanto affermano in una nota Giuseppe Spadafora, coordinatore regionale Calabria, Filippo Romeo, coordinatore provinciale Reggio Calabria e Massimo Coliandro, coordinatore comunale Reggio Calabria.
"Siamo interessati ad una Reggio - continuano gli esponenti del Partito del Sud - che, partendo da valori meridionalisti e progressisti, quali la tutela e la promozione del lavoro e dello sviluppo per fermare l’emigrazione dei più giovani, la difesa dell’ambiente, della salute, della parità di genere ed il contrasto alle mafie, sia in grado di dettare una strada nuova, nell’interesse dei cittadini, lottando per eliminare per sempre squilibri e diseguaglianze, come quelle che hanno comportato come da studi Eurispes dal 2000 al 2017 sottrazione di risorse per oltre 840 miliardi di Euro ai danni di tutto il Sud. 
La Lega e la sua dottrina di odio e rancore è la nostra principale avversaria, ma se è cresciuta è perchè sono state fatte politiche sbagliate a livello nazionale, a partire dalla modifica del Titolo V nel 2001. Il regionalismo differenziato, figlio minore del nazionalismo, è l’esempio più eclatante di come, in modo spesso trasversale e miope, si stiano legittimando le richieste leghiste di secessione della Padania. L’Autonomia così intesa non è solo rottura dell’unità nazionale e rischio di balcanizzazione del Paese, ma significa aprire le porte a ulteriori privatizzazioni e conseguenti discriminazioni a danno delle fasce più deboli della cittadinanza, sia a Sud che a Nord". 
"Anche Reggio Calabria - spiegano  Spadafora, Romeo e Coliandro - infatti è stata rapinata, grazie al meccanismo della “spesa storica”, di servizi e risorse. Eclatante il caso dello scippo subito a danno degli asili nido, su cui bene si è espresso pochi mesi fa il sindaco Falcomatà nel corso della trasmissione Report denunciando la rapina avventa a danno del Comune di Reggio. I bambini di Reggio Calabria, così come i cittadini reggini nel loro insieme, non sono di serie B rispetto a quelli del Nord. Pretendiamo stessi diritti così come da dettato costituzionale!
Dobbiamo perciò far fronte comune contro una destra aggressiva che si presenta con tratti tutt’altro che nuovi, mescolando all’antimeridionalismo che la Lega ha abbandonato solo di facciata, forti pulsioni e spontanee intese d'ispirazione neo-fascista, in un crogiolo esplosivo fatto di forze in cerca di radicamento e di leadership nella gestione del malcontento soprattutto in questo momento di emergenza nazionale causa pandemia. Reggio non può nuovamente cadere in balia dei deliri sovranisti, a maggior ragione ora che il centro-destra addirittura si presenta con un candidato Sindaco leghista, un evento che non può che far ribollire il sangue di ogni reggino che senta forte il legame con la propria terra".
I rappresentanti del Partito si rivolgono "alle fasce sociali colpite dalla crisi, dalla precarietà e da politiche nazionali di feroce liberismo. Agli elettori e alle elettrici della sinistra disorientati di fronte alla frammentazione e a tutti coloro che si rifugiano nell’astensionismo avendo perso la speranza del cambiamento. A tutte e a tutti costoro diciamo che l’unica alternativa sociale concreta è meridionalista!
La sola in grado di ribaltare la prospettiva geografica e ripartire con forza da Sud! Se anche tu non sopporti più la descrizione tossica di un Sud e di una Reggio col “cappello in mano”, fatta da media nazionali e da politicanti senza scrupoli, partecipa con noi alla sfida elettorale per ribaltare definitivamente questo stato di cose inaccettabile. Invitiamo dunque tutti i cittadini reggini a contattarci per candidarsi nella nostra lista. E’ una occasione unica anche per comitati e movimenti civici di portare, tramite la nostra lista, direttamente le proprie istanze in Comune!"
Fonte: Reggio Today


.


Potrebbe interessarti: https://www.reggiotoday.it/politica/elezioni-comunali-partito-sud-sostegno-falcomata.html?fbclid=IwAR0nui8YlXwVVy2mXfEUOiOtJ_2kqyU6dKDIn8eWpBS7R_6LHpoHiesg93E
Leggi tutto »
Elezioni comunali, il partito del Sud si schiera al fianco del sindaco Falcomatà
I meridionalisti progressisti Spadafora, Romeo e Coliandro lanciano un appello agli elettori e ribadiscono che "l’unica alternativa sociale concreta è meridionalista"





Elezioni comunali, il partito del Sud si schiera al fianco del sindaco Falcomatà
"Riportare la nuova questione meridionale al centro dell'agenda politica nazionale. Questo l'obiettivo essenziale del Partito del Sud che, continuando nel suo percorso meridionalista gramsciano, con forti e giustificate aspirazioni euromediterranee, ha deciso di sostenere con la lista a proprio simbolo a Reggio Calabria la candidatura del Sindaco Giuseppe Falcomatà, di cui nell’azione politica sempre al servizio del proprio territorio, è indubbia l’efficacia organizzativa messa in mostra negli ultimi drammatici mesi".
E' quanto affermano in una nota Giuseppe Spadafora, coordinatore regionale Calabria, Filippo Romeo, coordinatore provinciale Reggio Calabria e Massimo Coliandro, coordinatore comunale Reggio Calabria.
"Siamo interessati ad una Reggio - continuano gli esponenti del Partito del Sud - che, partendo da valori meridionalisti e progressisti, quali la tutela e la promozione del lavoro e dello sviluppo per fermare l’emigrazione dei più giovani, la difesa dell’ambiente, della salute, della parità di genere ed il contrasto alle mafie, sia in grado di dettare una strada nuova, nell’interesse dei cittadini, lottando per eliminare per sempre squilibri e diseguaglianze, come quelle che hanno comportato come da studi Eurispes dal 2000 al 2017 sottrazione di risorse per oltre 840 miliardi di Euro ai danni di tutto il Sud. 
La Lega e la sua dottrina di odio e rancore è la nostra principale avversaria, ma se è cresciuta è perchè sono state fatte politiche sbagliate a livello nazionale, a partire dalla modifica del Titolo V nel 2001. Il regionalismo differenziato, figlio minore del nazionalismo, è l’esempio più eclatante di come, in modo spesso trasversale e miope, si stiano legittimando le richieste leghiste di secessione della Padania. L’Autonomia così intesa non è solo rottura dell’unità nazionale e rischio di balcanizzazione del Paese, ma significa aprire le porte a ulteriori privatizzazioni e conseguenti discriminazioni a danno delle fasce più deboli della cittadinanza, sia a Sud che a Nord". 
"Anche Reggio Calabria - spiegano  Spadafora, Romeo e Coliandro - infatti è stata rapinata, grazie al meccanismo della “spesa storica”, di servizi e risorse. Eclatante il caso dello scippo subito a danno degli asili nido, su cui bene si è espresso pochi mesi fa il sindaco Falcomatà nel corso della trasmissione Report denunciando la rapina avventa a danno del Comune di Reggio. I bambini di Reggio Calabria, così come i cittadini reggini nel loro insieme, non sono di serie B rispetto a quelli del Nord. Pretendiamo stessi diritti così come da dettato costituzionale!
Dobbiamo perciò far fronte comune contro una destra aggressiva che si presenta con tratti tutt’altro che nuovi, mescolando all’antimeridionalismo che la Lega ha abbandonato solo di facciata, forti pulsioni e spontanee intese d'ispirazione neo-fascista, in un crogiolo esplosivo fatto di forze in cerca di radicamento e di leadership nella gestione del malcontento soprattutto in questo momento di emergenza nazionale causa pandemia. Reggio non può nuovamente cadere in balia dei deliri sovranisti, a maggior ragione ora che il centro-destra addirittura si presenta con un candidato Sindaco leghista, un evento che non può che far ribollire il sangue di ogni reggino che senta forte il legame con la propria terra".
I rappresentanti del Partito si rivolgono "alle fasce sociali colpite dalla crisi, dalla precarietà e da politiche nazionali di feroce liberismo. Agli elettori e alle elettrici della sinistra disorientati di fronte alla frammentazione e a tutti coloro che si rifugiano nell’astensionismo avendo perso la speranza del cambiamento. A tutte e a tutti costoro diciamo che l’unica alternativa sociale concreta è meridionalista!
La sola in grado di ribaltare la prospettiva geografica e ripartire con forza da Sud! Se anche tu non sopporti più la descrizione tossica di un Sud e di una Reggio col “cappello in mano”, fatta da media nazionali e da politicanti senza scrupoli, partecipa con noi alla sfida elettorale per ribaltare definitivamente questo stato di cose inaccettabile. Invitiamo dunque tutti i cittadini reggini a contattarci per candidarsi nella nostra lista. E’ una occasione unica anche per comitati e movimenti civici di portare, tramite la nostra lista, direttamente le proprie istanze in Comune!"
Fonte: Reggio Today


.


Potrebbe interessarti: https://www.reggiotoday.it/politica/elezioni-comunali-partito-sud-sostegno-falcomata.html?fbclid=IwAR0nui8YlXwVVy2mXfEUOiOtJ_2kqyU6dKDIn8eWpBS7R_6LHpoHiesg93E

sabato 27 giugno 2020

ELEZIONI REGIONALI CAMPANIA: “TUTTI IN PIAZZA PER L’AMBIENTE”



@Repubblica-Napoli 26.06.2020


.

Leggi tutto »


@Repubblica-Napoli 26.06.2020


.

Regionali campane, ecologisti in campo Appello alla sinistra da Stop biocidio. Ma Potere al popolo ha già avviato da gennaio un percorso autonomo con assemblee per le liste e il candidato governatore

Di Adriana Pollice
Il Manifesto del 25.06.2020

«La terra sembra trasformarsi sempre più in un immenso deposito di immondizia»: gli attivisti di Stop biocidio hanno scelto le parole di papa Francesco per convocare l’assemblea del 4 luglio a Taverna del Re (Giugliano) per verificare la possibilità di siglare un patto che porti alle regionali campane, un’alternativa ecologista e di sinistra al governatore dem Vincenzo De Luca.
A settembre si fronteggeranno gli stessi candidati di 5 anni fa: Valeria Ciarambino per i 5S; Stefano Caldoro per il centrodestra; l’uscente De Luca con una decina di liste che andranno dai fuoriusciti di Forza Italia ad Art1 (passando per Clemente Mastella e Ciriaco De Mita). Caldoro e De Luca si erano già sfidati nel 2010 con la vittoria del primo. La pandemia, invece di cambiare il panorama politico, ha innescato l’ennesimo déjà vu ma stravolgendo gli equilibri. Se a febbraio De Luca era dato perdente, adesso veleggia con 12 punti di vantaggio attirando candidati dalla destra e dalla galassia Dema, il movimento del sindaco Luigi de Magistris, che ieri ha chiarito: «Un progetto nazionale, dopo il comune di Napoli, è quello che più mi interessa».
Stop biocidio è una sigla nata con la crisi campana dei rifiuti e i comitati della Terra dei fuochi, dentro ha componenti che fanno parte dell’esperienza arancione (come l’assessora alla Cultura Eleonora de Majo e il presidente di municipalità Ivo Poggiani) ma che stanno provando a costruire un percorso autonomo, anche in vista delle comunali partenopee del 2021. «In Campania manca una forza che rappresenti la tutela della salute e dell’ambiente – spiega Enzo Tosti -, l’invito è rivolto a tutte le forze che vogliono deporre vecchi simboli e accettare la sfida ambientalista a cominciare da una parte dei 5S, Potere al popolo, forze cattoliche, associazioni».
«Partire dalle piramidi di ecoballe di Taverna del Re è giusto» il commento di Tonino Scala, coordinatore regionale di Sinistra italiana, che ha deciso di non correre sotto le insegne di De Luca. Non l’aveva appoggiato neppure 5 anni fa. Il giudizio non è cambiato al punto da bocciare l’offerta di dare vita in Campania a un’esperienza simile alla lista Coraggiosa, su modello emiliano.
Interessati all’appello anche il Partito del Sud, Altra Europa, Cobas, il Partito comunista italiano e Rifondazione comunista che avevano già siglato un documento comune: «Vediamo segnali di resistenza a sinistra rispetto alla coalizione De Luca. Non tutti chiudono gli occhi sul suo modo di gestire la cosa pubblica, sulle idee che coltiva e sulle sue frequentazioni politiche. L’attuale governatore parla un linguaggio di destra, ossequia i potentati economici e persegue unicamente il potere. Sarebbe una iattura se le elezioni divenissero un’avvilente “lite a due” tra i seguaci di Salvini, Meloni e Berlusconi e i seguaci di De Luca, Mastella e Cirino Pomicino». Altra Europa ha dato l’adesione: «È necessaria l’accoglienza dei migranti e la ferma condanna di ogni lavoro senza diritti. Al centro di ogni programma deve esserci la difesa dei beni comuni, primo tra tutti l’acqua pubblica».
Potere al popolo è più avanti nel percorso verso le urne. Lo scorso gennaio sono cominciate le assemblee per discutere programma e lista. In Pap ci saranno gli iscritti ma anche candidature indipendenti: «Persone che partecipano a un processo democratico, dal basso. Siamo stanchi dei soliti cartelli elettorali che spuntano un mese prima delle elezioni. La nostra sfida è costruire un progetto politico coerente, che duri nel tempo». L’assemblea di Napoli ha proposto come candidato governatore Giuliano Granato, «lavoratore e sindacalista Usb». A giorni la scelta definitiva con il voto sui territori.


Leggi tutto »
Di Adriana Pollice
Il Manifesto del 25.06.2020

«La terra sembra trasformarsi sempre più in un immenso deposito di immondizia»: gli attivisti di Stop biocidio hanno scelto le parole di papa Francesco per convocare l’assemblea del 4 luglio a Taverna del Re (Giugliano) per verificare la possibilità di siglare un patto che porti alle regionali campane, un’alternativa ecologista e di sinistra al governatore dem Vincenzo De Luca.
A settembre si fronteggeranno gli stessi candidati di 5 anni fa: Valeria Ciarambino per i 5S; Stefano Caldoro per il centrodestra; l’uscente De Luca con una decina di liste che andranno dai fuoriusciti di Forza Italia ad Art1 (passando per Clemente Mastella e Ciriaco De Mita). Caldoro e De Luca si erano già sfidati nel 2010 con la vittoria del primo. La pandemia, invece di cambiare il panorama politico, ha innescato l’ennesimo déjà vu ma stravolgendo gli equilibri. Se a febbraio De Luca era dato perdente, adesso veleggia con 12 punti di vantaggio attirando candidati dalla destra e dalla galassia Dema, il movimento del sindaco Luigi de Magistris, che ieri ha chiarito: «Un progetto nazionale, dopo il comune di Napoli, è quello che più mi interessa».
Stop biocidio è una sigla nata con la crisi campana dei rifiuti e i comitati della Terra dei fuochi, dentro ha componenti che fanno parte dell’esperienza arancione (come l’assessora alla Cultura Eleonora de Majo e il presidente di municipalità Ivo Poggiani) ma che stanno provando a costruire un percorso autonomo, anche in vista delle comunali partenopee del 2021. «In Campania manca una forza che rappresenti la tutela della salute e dell’ambiente – spiega Enzo Tosti -, l’invito è rivolto a tutte le forze che vogliono deporre vecchi simboli e accettare la sfida ambientalista a cominciare da una parte dei 5S, Potere al popolo, forze cattoliche, associazioni».
«Partire dalle piramidi di ecoballe di Taverna del Re è giusto» il commento di Tonino Scala, coordinatore regionale di Sinistra italiana, che ha deciso di non correre sotto le insegne di De Luca. Non l’aveva appoggiato neppure 5 anni fa. Il giudizio non è cambiato al punto da bocciare l’offerta di dare vita in Campania a un’esperienza simile alla lista Coraggiosa, su modello emiliano.
Interessati all’appello anche il Partito del Sud, Altra Europa, Cobas, il Partito comunista italiano e Rifondazione comunista che avevano già siglato un documento comune: «Vediamo segnali di resistenza a sinistra rispetto alla coalizione De Luca. Non tutti chiudono gli occhi sul suo modo di gestire la cosa pubblica, sulle idee che coltiva e sulle sue frequentazioni politiche. L’attuale governatore parla un linguaggio di destra, ossequia i potentati economici e persegue unicamente il potere. Sarebbe una iattura se le elezioni divenissero un’avvilente “lite a due” tra i seguaci di Salvini, Meloni e Berlusconi e i seguaci di De Luca, Mastella e Cirino Pomicino». Altra Europa ha dato l’adesione: «È necessaria l’accoglienza dei migranti e la ferma condanna di ogni lavoro senza diritti. Al centro di ogni programma deve esserci la difesa dei beni comuni, primo tra tutti l’acqua pubblica».
Potere al popolo è più avanti nel percorso verso le urne. Lo scorso gennaio sono cominciate le assemblee per discutere programma e lista. In Pap ci saranno gli iscritti ma anche candidature indipendenti: «Persone che partecipano a un processo democratico, dal basso. Siamo stanchi dei soliti cartelli elettorali che spuntano un mese prima delle elezioni. La nostra sfida è costruire un progetto politico coerente, che duri nel tempo». L’assemblea di Napoli ha proposto come candidato governatore Giuliano Granato, «lavoratore e sindacalista Usb». A giorni la scelta definitiva con il voto sui territori.


mercoledì 24 giugno 2020

Regionali, Il Partito del Sud lista a sostegno di Emiliano

Il Partito del Sud - Meridionalisti Progressisti conferma la presentazione, per le prossime elezioni regionali in Puglia, di una lista con il proprio simbolo a sostegno del presidente uscente Michele Emiliano.
Partito Sud
"Abbiamo scelto di presentare una lista, anche se sarebbe stato molto più semplice chiedere un po’ di visibilità in qualche altra lista presente a questa tornata elettorale", sottolinea Michele Dell'Edera, coordinatore regionale del Partito e vicepresidente nazionale 
emiliano prtito sud10
"Lo facciamo con determinazione - dice Michele Dell'Edera - anche se non è semplice; il nostro impegno è creare una lista dal basso, con chi ci vuole stare e vuole ridare dignità alla nostra terra rivendicando la necessità di servizi e investimenti per il rilancio regionale e per il rilancio dell'intero Mezzogiorno".
"Per farlo non possiamo - continua Dell'Edera - presentare una proposta annacquata. Dobbiamo presentare un simbolo e una lista che rivendichino la necessità di avere un Paese che non vada più a due o tre velocità, ma un Paese che sia unito soprattutto negli investimenti e nelle politiche:
Scuole
Università
Sanità
Trasporti, viabilità e ferrovie
Infrastrutture
Welfare giusto
Per un paese giusto ed equo con tutti i suoi cittadini, che ponga attenzione agli ultimi e ai giovani. Questi sono solo alcuni dei punti sui quali costruire il nostro apporto al futuro Governo regionale".
"Chiediamo quindi alle donne e agli uomini di Puglia - conclude Dell'Edera - di unirsi a noi in questa lotta per dare al futuro governo della Puglia un’impronta maggiormente meridionalista e maggiormente progressista".
(gelormini@gmail.com)



.
Leggi tutto »
Il Partito del Sud - Meridionalisti Progressisti conferma la presentazione, per le prossime elezioni regionali in Puglia, di una lista con il proprio simbolo a sostegno del presidente uscente Michele Emiliano.
Partito Sud
"Abbiamo scelto di presentare una lista, anche se sarebbe stato molto più semplice chiedere un po’ di visibilità in qualche altra lista presente a questa tornata elettorale", sottolinea Michele Dell'Edera, coordinatore regionale del Partito e vicepresidente nazionale 
emiliano prtito sud10
"Lo facciamo con determinazione - dice Michele Dell'Edera - anche se non è semplice; il nostro impegno è creare una lista dal basso, con chi ci vuole stare e vuole ridare dignità alla nostra terra rivendicando la necessità di servizi e investimenti per il rilancio regionale e per il rilancio dell'intero Mezzogiorno".
"Per farlo non possiamo - continua Dell'Edera - presentare una proposta annacquata. Dobbiamo presentare un simbolo e una lista che rivendichino la necessità di avere un Paese che non vada più a due o tre velocità, ma un Paese che sia unito soprattutto negli investimenti e nelle politiche:
Scuole
Università
Sanità
Trasporti, viabilità e ferrovie
Infrastrutture
Welfare giusto
Per un paese giusto ed equo con tutti i suoi cittadini, che ponga attenzione agli ultimi e ai giovani. Questi sono solo alcuni dei punti sui quali costruire il nostro apporto al futuro Governo regionale".
"Chiediamo quindi alle donne e agli uomini di Puglia - conclude Dell'Edera - di unirsi a noi in questa lotta per dare al futuro governo della Puglia un’impronta maggiormente meridionalista e maggiormente progressista".
(gelormini@gmail.com)



.

giovedì 18 giugno 2020

PUGLIA ELEZIONI REGIONALI – IL PARTITO DEL SUD A SOSTEGNO DI MICHELE EMILIANO


Riportare la Nuova Questione Meridionale al centro dell'agenda politica nazionale. Questo l'obiettivo essenziale del Partito del Sud che, continuando nel suo percorso meridionalista gramsciano, con forti e giustificate aspirazioni euromediterranee, ha deciso di sostenere con la propria lista alla presidenza della Regione Puglia la candidatura di Michele Emiliano, di cui nell’azione politica è indubbia l’efficacia organizzativa, messa ulteriormente in mostra negli ultimi drammatici mesi, e l'impronta meridionalista e a cui ci lega da anni un rapporto consolidato di stima ed amicizia.
Quella delle prossime elezioni regionali è un’occasione che la Puglia deve saper cogliere ponendosi come obiettivo quello di essere tra le Regioni guida del Sudaiutando la ripartenza di quest’area della penisola e con essa dell’intero sistema paese. Siamo interessati ad una Puglia che, partendo da valori meridionalisti e progressisti, quali la tutela e la promozione del lavoro e dello sviluppo, dell’ambiente, della salute, della parità di genere ed il contrasto alle mafie, si ponga come Regione in grado di dettare una strada nuova, realizzando una nuova economia ecosostenibile in grado di pensare agli equilibri lavorativi, dalla sicurezza sul lavoro e dai diritti dei suoi cittadini, lottando per eliminare per sempre squilibri e diseguaglianze, come quelle che hanno comportato come da studi Eurispes dal 2000 al 2017 sottrazione di risorse per oltre 840 Miliardi di Euro ai danni di tutte le regioni del Sud. Chiediamo a  Michele Emiliano, dal Partito del Sud già sostenuto cinque anni fa, di puntare con decisione alla missione di rendere questa nostra Regione punto centrale di riferimento per il Sud e per l’intero Paese, faro di esempio e di concreta opportunità per tutte le future generazioni, non più costrette ad emigrare.
La Lega e la sua dottrina di odio e rancore è la nostra principale avversaria, ma se è cresciuta è perchè sono state fatte politiche sbagliate a livello nazionale, a partire dalla modifica del Titolo V nel 2001, grazie anche al sostegno del centro-sinistra. Il Regionalismo differenziato, figlio minore del nazionalismo, è l’esempio più eclatante di come in modo trasversale e miope si stiano legittimando le richieste leghiste di secessione della Padania. L’Autonomia così intesa non è solo rottura dell’unità nazionale e rischio di balcanizzazione del Paese, ma significa aprire le porte a ulteriori privatizzazioni e conseguenti discriminazioni a danno delle fasce più deboli della cittadinanza, sia a Sud che a Nord. Non a caso da sempre ci battiamo come Partito del Sud, recentemente anche in Emilia Romagna in opposizione alle richieste di Autonomia differenziata della Regione, per il ritiro di qualunque forma di autonomia differenziata. Dobbiamo nel contempo e a maggior ragione costruire, insieme alle altre forze di sinistra con cui da tempo collaboriamo un argine contro la peggiore destra fascioleghista in Puglia. Una destra aggressiva e forte che si presenta con tratti tutt’altro che nuovi, mescolando all’antimeridionalismo che la Lega ha abbandonato solo di facciata, forti pulsioni e spontanee intese d'ispirazione neo-fascista, in un crogiolo esplosivo fatto di forze in cerca di radicamento e di leadership nella gestione del malcontento soprattutto in questo momento di emergenza nazionale causa pandemia. Sarebbe un danno molto serio, per la Puglia, per il Sud, per la tenuta democratica del Paese l’affermarsi di queste derive. Bisogna impedirlo! Nel contempo le folli pretese regionalistiche impongono la presenza meridionalista all’interno delle Regioni in funzione non solo di contrasto ma anche di proposta.
Ci rivolgiamo alle fasce sociali colpite dalla crisi, dalla precarietà e da politiche nazionali di feroce liberismo. Ci rivolgiamo agli elettori e alle elettrici della sinistra disorientati di fronte alla frammentazione, alle chiacchiere alate, ma prive di contenuti, e a tutti coloro che si rifugiano nell’astensionismo avendo perso la speranza del cambiamento. A tutte e a tutti costoro diciamo che l’unica alternativa concreta è meridionalista!
La sola in grado di ribaltare la prospettiva geografica e ripartire con forza da Sud!
Se anche tu non sopporti più la descrizione tossica di un Sud col cappello in mano, fatto da media nazionali e politicanti senza scrupoli, partecipa con noi alla “Rivoluzione meridionale”: collabora, candidati, sostienici !
Invitiamo dunque tutti i cittadini pugliesi a contattarci per candidarsi nella nostra lista. E’ una occasione unica anche per Comitati e Movimenti civici di portare, tramite la nostra lista, direttamente le proprie istanze in Regione!

Partito del Sud-Meridionalisti Progressisti

ll Presidente Nazionale – Natale Cuccurese
Il Coordinatore regionale – Michele Dell’Edera

Per informazioni e contatti:

                                          


https://www.facebook.com/partitodelsudpuglia/                                        





Leggi tutto »

Riportare la Nuova Questione Meridionale al centro dell'agenda politica nazionale. Questo l'obiettivo essenziale del Partito del Sud che, continuando nel suo percorso meridionalista gramsciano, con forti e giustificate aspirazioni euromediterranee, ha deciso di sostenere con la propria lista alla presidenza della Regione Puglia la candidatura di Michele Emiliano, di cui nell’azione politica è indubbia l’efficacia organizzativa, messa ulteriormente in mostra negli ultimi drammatici mesi, e l'impronta meridionalista e a cui ci lega da anni un rapporto consolidato di stima ed amicizia.
Quella delle prossime elezioni regionali è un’occasione che la Puglia deve saper cogliere ponendosi come obiettivo quello di essere tra le Regioni guida del Sudaiutando la ripartenza di quest’area della penisola e con essa dell’intero sistema paese. Siamo interessati ad una Puglia che, partendo da valori meridionalisti e progressisti, quali la tutela e la promozione del lavoro e dello sviluppo, dell’ambiente, della salute, della parità di genere ed il contrasto alle mafie, si ponga come Regione in grado di dettare una strada nuova, realizzando una nuova economia ecosostenibile in grado di pensare agli equilibri lavorativi, dalla sicurezza sul lavoro e dai diritti dei suoi cittadini, lottando per eliminare per sempre squilibri e diseguaglianze, come quelle che hanno comportato come da studi Eurispes dal 2000 al 2017 sottrazione di risorse per oltre 840 Miliardi di Euro ai danni di tutte le regioni del Sud. Chiediamo a  Michele Emiliano, dal Partito del Sud già sostenuto cinque anni fa, di puntare con decisione alla missione di rendere questa nostra Regione punto centrale di riferimento per il Sud e per l’intero Paese, faro di esempio e di concreta opportunità per tutte le future generazioni, non più costrette ad emigrare.
La Lega e la sua dottrina di odio e rancore è la nostra principale avversaria, ma se è cresciuta è perchè sono state fatte politiche sbagliate a livello nazionale, a partire dalla modifica del Titolo V nel 2001, grazie anche al sostegno del centro-sinistra. Il Regionalismo differenziato, figlio minore del nazionalismo, è l’esempio più eclatante di come in modo trasversale e miope si stiano legittimando le richieste leghiste di secessione della Padania. L’Autonomia così intesa non è solo rottura dell’unità nazionale e rischio di balcanizzazione del Paese, ma significa aprire le porte a ulteriori privatizzazioni e conseguenti discriminazioni a danno delle fasce più deboli della cittadinanza, sia a Sud che a Nord. Non a caso da sempre ci battiamo come Partito del Sud, recentemente anche in Emilia Romagna in opposizione alle richieste di Autonomia differenziata della Regione, per il ritiro di qualunque forma di autonomia differenziata. Dobbiamo nel contempo e a maggior ragione costruire, insieme alle altre forze di sinistra con cui da tempo collaboriamo un argine contro la peggiore destra fascioleghista in Puglia. Una destra aggressiva e forte che si presenta con tratti tutt’altro che nuovi, mescolando all’antimeridionalismo che la Lega ha abbandonato solo di facciata, forti pulsioni e spontanee intese d'ispirazione neo-fascista, in un crogiolo esplosivo fatto di forze in cerca di radicamento e di leadership nella gestione del malcontento soprattutto in questo momento di emergenza nazionale causa pandemia. Sarebbe un danno molto serio, per la Puglia, per il Sud, per la tenuta democratica del Paese l’affermarsi di queste derive. Bisogna impedirlo! Nel contempo le folli pretese regionalistiche impongono la presenza meridionalista all’interno delle Regioni in funzione non solo di contrasto ma anche di proposta.
Ci rivolgiamo alle fasce sociali colpite dalla crisi, dalla precarietà e da politiche nazionali di feroce liberismo. Ci rivolgiamo agli elettori e alle elettrici della sinistra disorientati di fronte alla frammentazione, alle chiacchiere alate, ma prive di contenuti, e a tutti coloro che si rifugiano nell’astensionismo avendo perso la speranza del cambiamento. A tutte e a tutti costoro diciamo che l’unica alternativa concreta è meridionalista!
La sola in grado di ribaltare la prospettiva geografica e ripartire con forza da Sud!
Se anche tu non sopporti più la descrizione tossica di un Sud col cappello in mano, fatto da media nazionali e politicanti senza scrupoli, partecipa con noi alla “Rivoluzione meridionale”: collabora, candidati, sostienici !
Invitiamo dunque tutti i cittadini pugliesi a contattarci per candidarsi nella nostra lista. E’ una occasione unica anche per Comitati e Movimenti civici di portare, tramite la nostra lista, direttamente le proprie istanze in Regione!

Partito del Sud-Meridionalisti Progressisti

ll Presidente Nazionale – Natale Cuccurese
Il Coordinatore regionale – Michele Dell’Edera

Per informazioni e contatti:

                                          


https://www.facebook.com/partitodelsudpuglia/                                        





mercoledì 17 giugno 2020

Il sonno della ragione genera (statue di) mostri

di Natale Cuccurese

Che sia finalmente arrivato il momento di rimuovere dal panorama delle città del sud le statue dedicate agli uomini simbolo di una colonizzazione e da quelle dell’intero paese da quelli simbolo del fascismo…?! Se è vero, come è vero, che le “statue della vergogna” celebrano il passato, ipotecando il presente, iniziamo a rimuovere quelle dei colonizzatori venuti alla conquista del Sud grazie al “Risorgimento della monarchia sabauda”.

Quello che fu fatta passare per unificazione o addirittura liberazione e altro non fu che una guerra coloniale di conquista dove nei fatti si usarono le stesse logiche distruttive e strategie predatorie (che al Sud ancora oggi permangono) poi replicate in Etiopia qualche decennio dopo. Unica differenza nel 1860 non usarono l’iprite, ma solo perché al tempo non esisteva…

Statue che non sono pericolose perché ricordano una guerra civile dell’Ottocento, ma perché legittimano la centralità del razzismo e del colonialismo padano al Sud, ancora oggi portati ad esempio a scuola, nel terzo millennio.

E con esse permangono di pari livello titolazioni e statue a personaggi invischiati o addirittura responsabili di atrocità e deportazioni legate al fascismo. Non è possibile che ancora oggi vi siano strade, statue, dedicate a chi firmó le leggi razziali nel 1938, come Vittorio Emanuel III, insieme all’obelisco di Mussolini a Roma, al monumento ad Affile al maresciallo Graziani. Addirittura a Cassino nel 2018 si è deciso di dedicare una stele ai paracadutisti tedeschi delle SS che in quella zona avevano combattuto. Sono solo alcuni esempi di una lunga serie vergognosa.

E come è possibile che al Sud via siano toponimi dedicati a chi come Nino Bixio massacró i contadini a Bronte, a quel criminale di guerra di Cialdini che infierì sui cittadini di Gaeta e brució interi paesi. Come è possibile che via sia tutt’oggi aperto a Torino un “museo Cesare Lombroso” con resti umani di uomini che avevano combattuto per la propria terra, retrocessi a briganti dalla storiografia colonizzatrice, e le cui spoglie sono esposte oggi alle scolaresche in visita, quasi a voler inculcare sin da piccoli l’orrore e il disprezzo verso il meridionale descritto, grazie alle teorie lombrosiane, come geneticamente inferiore.

Una nazione civile avrebbe da tempo chiuso quel museo dell’orrore. Come è possibile che lo stesso Lombroso abbia una statua, oltretutto d’aspetto inquietante, in quel di Verona. All’uomo che teorizzò l’eugenetica italiana, teorie poi riprese e sviluppate dal nazismo. È ora di finirla con la propaganda dei colonizzatori venuti dal Nord che non solo hanno portato il Sud allo stadio attuale di crisi e miseria, ma che ancora insistono nel depredarlo senza posa, mai sazi, e a raccontare le solite menzogne sul Sud e sulla sua presunta inferiorità.

Ora politicanti separatisti vorrebbero continuare con le ruberie nel nome del “Regionalismo”, non a caso, figlio minore del nazionalismo. Siamo alla sublimazione di quel “ razzismo di Stato”, dall’unità stella polare di ogni governo in carica, che oggi mira a sganciare la colonia interna Mezzogiorno, dopo averla ben sfruttata e privata di diritti teoricamente garantiti dalla Costituzione, dal treno delle Regioni ricche padane che, come da desiderata europei, non devono perdere l’aggancio con le altre Regioni ricche del Nord Europa in un ipotetico e virtuoso traino, prima di creare una Europa a due velocità.

Alcuni “difensori”, spesso interessati, replicano con la tesi che i gesti di alcuni di questi “grandi uomini” destinatari di statue e toponimi a imperitura memoria, andrebbero contestualizzate al periodo storico in cui hanno vissuto. Eppure molti si opposero in quegli stessi anni al fascismo e al razzismo conquistatore, scelsero, furono partigiani, si opposero agli oppressori fascisti e razzisti, proprio nello stesso contesto. Il problema è che spesso chi ne rivendica le opere e i gesti falsifica la storia nei dettagli meno edificanti.

Vedasi il caso di Montanelli, il giornalista che dichiarò in un’intervista a Le Figaro nel febbraio del 1960 “Ah! La Sicilia! Voi avete l’Algeria, noi abbiamo la Sicilia. Ma voi non siete obbligati a dire agli algerini che sono francesi. Noi, circostanza aggravante, siamo obbligati ad accordare ai siciliani la qualità di italiani”. Lo stesso che si vantava sulle reti Rai, ed in articoli vari, di avere abusato di una minorenne locale durante il suo servizio militare in Eritrea.

La discussione sulle statue non è oziosa o secondaria, perché in realtà si sta discutendo del presente, non del passato, ci sono molte persone nella storia italiana degli oppressi che non hanno statue, non si capisce perché lasciare come esempio ai posteri proprio le statue degli oppressori, dei carnefici, dei razzisti , dei corrotti, dei criminali, dei corruttori, dei pedofili.

Non c’è bisogno di guardare fino agli USA, non c’è bisogno di guardare fino all’America Latina, guardiamo in casa nostra e al putrido racconto razzista che i media italici fanno quotidianamente, ancora oggi ogni giorno, sul Sud e non solo. Quello che è accaduto nell’ultima emergenza basta e avanza per descrivere un Paese dove il razzismo e il fascismo si respirano sempre più opprimenti e immondi nell’aria.

Attiviamoci per rimuovere statue e toponimi della vergogna partendo dalle città del Sud, attiviamoci in tutta Italia per rimuovere la cappa sovranista che si prepara ad opprimere di nuovo l’Italia.

Fonte : Transform!italia


Leggi tutto »
di Natale Cuccurese

Che sia finalmente arrivato il momento di rimuovere dal panorama delle città del sud le statue dedicate agli uomini simbolo di una colonizzazione e da quelle dell’intero paese da quelli simbolo del fascismo…?! Se è vero, come è vero, che le “statue della vergogna” celebrano il passato, ipotecando il presente, iniziamo a rimuovere quelle dei colonizzatori venuti alla conquista del Sud grazie al “Risorgimento della monarchia sabauda”.

Quello che fu fatta passare per unificazione o addirittura liberazione e altro non fu che una guerra coloniale di conquista dove nei fatti si usarono le stesse logiche distruttive e strategie predatorie (che al Sud ancora oggi permangono) poi replicate in Etiopia qualche decennio dopo. Unica differenza nel 1860 non usarono l’iprite, ma solo perché al tempo non esisteva…

Statue che non sono pericolose perché ricordano una guerra civile dell’Ottocento, ma perché legittimano la centralità del razzismo e del colonialismo padano al Sud, ancora oggi portati ad esempio a scuola, nel terzo millennio.

E con esse permangono di pari livello titolazioni e statue a personaggi invischiati o addirittura responsabili di atrocità e deportazioni legate al fascismo. Non è possibile che ancora oggi vi siano strade, statue, dedicate a chi firmó le leggi razziali nel 1938, come Vittorio Emanuel III, insieme all’obelisco di Mussolini a Roma, al monumento ad Affile al maresciallo Graziani. Addirittura a Cassino nel 2018 si è deciso di dedicare una stele ai paracadutisti tedeschi delle SS che in quella zona avevano combattuto. Sono solo alcuni esempi di una lunga serie vergognosa.

E come è possibile che al Sud via siano toponimi dedicati a chi come Nino Bixio massacró i contadini a Bronte, a quel criminale di guerra di Cialdini che infierì sui cittadini di Gaeta e brució interi paesi. Come è possibile che via sia tutt’oggi aperto a Torino un “museo Cesare Lombroso” con resti umani di uomini che avevano combattuto per la propria terra, retrocessi a briganti dalla storiografia colonizzatrice, e le cui spoglie sono esposte oggi alle scolaresche in visita, quasi a voler inculcare sin da piccoli l’orrore e il disprezzo verso il meridionale descritto, grazie alle teorie lombrosiane, come geneticamente inferiore.

Una nazione civile avrebbe da tempo chiuso quel museo dell’orrore. Come è possibile che lo stesso Lombroso abbia una statua, oltretutto d’aspetto inquietante, in quel di Verona. All’uomo che teorizzò l’eugenetica italiana, teorie poi riprese e sviluppate dal nazismo. È ora di finirla con la propaganda dei colonizzatori venuti dal Nord che non solo hanno portato il Sud allo stadio attuale di crisi e miseria, ma che ancora insistono nel depredarlo senza posa, mai sazi, e a raccontare le solite menzogne sul Sud e sulla sua presunta inferiorità.

Ora politicanti separatisti vorrebbero continuare con le ruberie nel nome del “Regionalismo”, non a caso, figlio minore del nazionalismo. Siamo alla sublimazione di quel “ razzismo di Stato”, dall’unità stella polare di ogni governo in carica, che oggi mira a sganciare la colonia interna Mezzogiorno, dopo averla ben sfruttata e privata di diritti teoricamente garantiti dalla Costituzione, dal treno delle Regioni ricche padane che, come da desiderata europei, non devono perdere l’aggancio con le altre Regioni ricche del Nord Europa in un ipotetico e virtuoso traino, prima di creare una Europa a due velocità.

Alcuni “difensori”, spesso interessati, replicano con la tesi che i gesti di alcuni di questi “grandi uomini” destinatari di statue e toponimi a imperitura memoria, andrebbero contestualizzate al periodo storico in cui hanno vissuto. Eppure molti si opposero in quegli stessi anni al fascismo e al razzismo conquistatore, scelsero, furono partigiani, si opposero agli oppressori fascisti e razzisti, proprio nello stesso contesto. Il problema è che spesso chi ne rivendica le opere e i gesti falsifica la storia nei dettagli meno edificanti.

Vedasi il caso di Montanelli, il giornalista che dichiarò in un’intervista a Le Figaro nel febbraio del 1960 “Ah! La Sicilia! Voi avete l’Algeria, noi abbiamo la Sicilia. Ma voi non siete obbligati a dire agli algerini che sono francesi. Noi, circostanza aggravante, siamo obbligati ad accordare ai siciliani la qualità di italiani”. Lo stesso che si vantava sulle reti Rai, ed in articoli vari, di avere abusato di una minorenne locale durante il suo servizio militare in Eritrea.

La discussione sulle statue non è oziosa o secondaria, perché in realtà si sta discutendo del presente, non del passato, ci sono molte persone nella storia italiana degli oppressi che non hanno statue, non si capisce perché lasciare come esempio ai posteri proprio le statue degli oppressori, dei carnefici, dei razzisti , dei corrotti, dei criminali, dei corruttori, dei pedofili.

Non c’è bisogno di guardare fino agli USA, non c’è bisogno di guardare fino all’America Latina, guardiamo in casa nostra e al putrido racconto razzista che i media italici fanno quotidianamente, ancora oggi ogni giorno, sul Sud e non solo. Quello che è accaduto nell’ultima emergenza basta e avanza per descrivere un Paese dove il razzismo e il fascismo si respirano sempre più opprimenti e immondi nell’aria.

Attiviamoci per rimuovere statue e toponimi della vergogna partendo dalle città del Sud, attiviamoci in tutta Italia per rimuovere la cappa sovranista che si prepara ad opprimere di nuovo l’Italia.

Fonte : Transform!italia


 
[Privacy]
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Hot Sonakshi Sinha, Car Price in India