martedì 4 maggio 2021

Napoli: Abolita via Vittorio Emanuele III, firmatario delle leggi razziali, su proposta del Partito del Sud. Domani la cerimonia.

COMUNICATO STAMPA 

Domani, 5 Maggio 2021, alle ore 11,00 in zona Secondigliano (Napoli) ci sara' la cerimonia della Commissione Toponomastica del Comune di Napoli per l'abolizione del toponimo Corso Vittorio Emanuele III, firmatario delle leggi razziali durante il fascismo, e sostituzione con nuova titolazione a Vincenzo Di Mare, come da richiesta a suo tempo inoltrata e sostenuta dal Partito del Sud - Meridionalisti Progressisti. 


Proposta deliberata ed effettuata e motivata tramite Andrea Balia, membro del CDN del Partito del Sud (membro e delegato diretto del Sindaco in Commissione). 
La richiesta era per la sostituzione del suddetto toponimo in zona Napoli centro, ma la Sovrintendenza nego' il suo assenso. Il Sindaco rimotivo' la richiesta per ottenere poi questa sostituzione in oggetto in luogo diverso. 

Presenziera' il Sindaco e la Commissione Toponomastica. 
Il Partito del Sud sara' presente con i propri delegati!

Andrea Balia
Partito del Sud Napoli


-
Leggi tutto »
COMUNICATO STAMPA 

Domani, 5 Maggio 2021, alle ore 11,00 in zona Secondigliano (Napoli) ci sara' la cerimonia della Commissione Toponomastica del Comune di Napoli per l'abolizione del toponimo Corso Vittorio Emanuele III, firmatario delle leggi razziali durante il fascismo, e sostituzione con nuova titolazione a Vincenzo Di Mare, come da richiesta a suo tempo inoltrata e sostenuta dal Partito del Sud - Meridionalisti Progressisti. 


Proposta deliberata ed effettuata e motivata tramite Andrea Balia, membro del CDN del Partito del Sud (membro e delegato diretto del Sindaco in Commissione). 
La richiesta era per la sostituzione del suddetto toponimo in zona Napoli centro, ma la Sovrintendenza nego' il suo assenso. Il Sindaco rimotivo' la richiesta per ottenere poi questa sostituzione in oggetto in luogo diverso. 

Presenziera' il Sindaco e la Commissione Toponomastica. 
Il Partito del Sud sara' presente con i propri delegati!

Andrea Balia
Partito del Sud Napoli


-

domenica 25 aprile 2021

VIVA LA LIBERAZIONE VIVA IL 25 APRILE



Di Natale Cuccurese

La memoria del 25 Aprile è un dovere che va sostenuto con impegno, oggi più che mai.

Mai come oggi è infatti necessario ribadire che solo la verità storica rafforza l’unità, così come il superamento di discriminazioni  territoriali, odi e rancori che sarebbe bene sconfiggere definitivamente. Nella complessità della Storia, anche di quelle personali, non c’è riconciliazione possibile con il fascismo, negazione della democrazia.

Sarebbe anche il caso, per dare un significato preciso al ricordo della Resistenza e al ritorno alla libertà e all’unità del paese che questa produsse e affinchè questa unità sia reale e non pomposo ma vuoto esercizio retorico, riscoprire alcuni dei molti valori della Resistenza, nonché ricordare che alla Resistenza parteciparono attivamente e valorosamente tanti meridionali, anche in formazioni partigiane del nord, e che la prima città d’Europa a liberarsi, già nel settembre 1943, dal giogo nazifascista, grazie ad un moto spontaneo del popolo in armi, fu Napoli durante le 4 giornate che valsero alla città il conferimento della medaglia d’oro al valore militare.

Così come sarebbe utile riscoprire e finalmente applicare gli articoli di quella Costituzione che dalla Resistenza nacque, Costituzione mai applicata interamente e successivamente stravolta per interessi revisionisti pericolosi.

Articoli che se fossero stati applicati non avrebbero permesso l’attuale rovinoso stato economico e politico del Sud, e quindi dell’intero Paese, e nemmeno la pericolosa crisi sanitaria in corso (colpa anche dei tagli al Ssn), economica e sociale che viviamo e che si esplicita, da sempre, nella diseguaglianza di investimenti sui territori e quindi di opportunità fra i cittadini del nord e del sud. 
Diseguaglianze che vanno al più presto rimosse e che sono foriere di pericoli per la tenuta democratica del Paese e quindi per la libertà di tutti.

Altro che "secessione dei ricchi" che continua il suo abietto percorso eversivo dell'unità nazionale anche con il governo Draghi, che inserisce nel DEF 2021,il punto 1.5, (approvato il 15 Aprile dal Parlamento) da cui si evince che per la prossima legge di bilancio (2022-2024) il DDL sull’autonomia differenziata sarà tra le leggi collegate alla decisione di bilancio.
Ogni commento è a questo punto superfluo, la destrutturazione dello Stato proseguirà al termine della pandemia più forte di prima, così come le conseguenti privatizzazioni, al Nord come al Sud.

La composizione del governo, infarcito di leghisti, protoleghisti e “liberisti bocconiani”, così come l’elezione di Fedriga a capo della Conferenza Stato Regioni, non lascia presagire nulla di buono per il Sud e per un Paese guidato da un governo di tecnocrati e banchieri e non a caso sostenuto anche da chi oggi non partecipa alle manifestazioni del 25 aprile, nonchè da una certa “sinistra” senza memoria che in Europa si è prestata, vergognosamente e ipocritamente, all’equiparazione fra nazismo e comunismo.

Il 25 Aprile il Partito del Sud Meridionalisti Progressisti sarà presente come sempre nelle piazze italiane in memoria della Resistenza contro il nazifascismo.
I nostri iscritti con la loro presenza onoreranno la memoria che va sostenuta con l’impegno antifascista, oggi più che mai attuale, come allora che vide anche in questo il Sud protagonista.





Leggi tutto »



Di Natale Cuccurese

La memoria del 25 Aprile è un dovere che va sostenuto con impegno, oggi più che mai.

Mai come oggi è infatti necessario ribadire che solo la verità storica rafforza l’unità, così come il superamento di discriminazioni  territoriali, odi e rancori che sarebbe bene sconfiggere definitivamente. Nella complessità della Storia, anche di quelle personali, non c’è riconciliazione possibile con il fascismo, negazione della democrazia.

Sarebbe anche il caso, per dare un significato preciso al ricordo della Resistenza e al ritorno alla libertà e all’unità del paese che questa produsse e affinchè questa unità sia reale e non pomposo ma vuoto esercizio retorico, riscoprire alcuni dei molti valori della Resistenza, nonché ricordare che alla Resistenza parteciparono attivamente e valorosamente tanti meridionali, anche in formazioni partigiane del nord, e che la prima città d’Europa a liberarsi, già nel settembre 1943, dal giogo nazifascista, grazie ad un moto spontaneo del popolo in armi, fu Napoli durante le 4 giornate che valsero alla città il conferimento della medaglia d’oro al valore militare.

Così come sarebbe utile riscoprire e finalmente applicare gli articoli di quella Costituzione che dalla Resistenza nacque, Costituzione mai applicata interamente e successivamente stravolta per interessi revisionisti pericolosi.

Articoli che se fossero stati applicati non avrebbero permesso l’attuale rovinoso stato economico e politico del Sud, e quindi dell’intero Paese, e nemmeno la pericolosa crisi sanitaria in corso (colpa anche dei tagli al Ssn), economica e sociale che viviamo e che si esplicita, da sempre, nella diseguaglianza di investimenti sui territori e quindi di opportunità fra i cittadini del nord e del sud. 
Diseguaglianze che vanno al più presto rimosse e che sono foriere di pericoli per la tenuta democratica del Paese e quindi per la libertà di tutti.

Altro che "secessione dei ricchi" che continua il suo abietto percorso eversivo dell'unità nazionale anche con il governo Draghi, che inserisce nel DEF 2021,il punto 1.5, (approvato il 15 Aprile dal Parlamento) da cui si evince che per la prossima legge di bilancio (2022-2024) il DDL sull’autonomia differenziata sarà tra le leggi collegate alla decisione di bilancio.
Ogni commento è a questo punto superfluo, la destrutturazione dello Stato proseguirà al termine della pandemia più forte di prima, così come le conseguenti privatizzazioni, al Nord come al Sud.

La composizione del governo, infarcito di leghisti, protoleghisti e “liberisti bocconiani”, così come l’elezione di Fedriga a capo della Conferenza Stato Regioni, non lascia presagire nulla di buono per il Sud e per un Paese guidato da un governo di tecnocrati e banchieri e non a caso sostenuto anche da chi oggi non partecipa alle manifestazioni del 25 aprile, nonchè da una certa “sinistra” senza memoria che in Europa si è prestata, vergognosamente e ipocritamente, all’equiparazione fra nazismo e comunismo.

Il 25 Aprile il Partito del Sud Meridionalisti Progressisti sarà presente come sempre nelle piazze italiane in memoria della Resistenza contro il nazifascismo.
I nostri iscritti con la loro presenza onoreranno la memoria che va sostenuta con l’impegno antifascista, oggi più che mai attuale, come allora che vide anche in questo il Sud protagonista.





venerdì 23 aprile 2021

I numeri a lotto, Natale Cuccurese: “Recovery Sud, dal 65% al 13,50 per l’Alta velocità. Così, si continua a finanziare il Nord a discapito del Sud”

La Ministra per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna annuncia a manca e a destra che è riuscita ad assicurare l’assegnazione del 40% dei circa 210 miliardi del Recovery Plan al Mezzogiorno. La qualcosa corrisponde all’ennesimo scippo perpetrato nei confronti del Sud, cui, invece, spetterebbe l’assegnazione del 65% dei finanziamenti europei.

Se poi si vanno ad analizzare le singole voci, come quella strategica degli investimenti in conto capitale per l’Alta velocità, le cose stanno ancora peggio, perché dal 40% si passa al 13,50%. Insomma, si danno i numeri a lotto.

Ciò è quanto, di fatto, denuncia dalla sua pagina facebook personale il Presidente del Partito del Sud, Natale Cuccurese.

Detto che – osserva Cuccurese – il Recovery assegna all’Alta velocità in Italia complessivamente 13,31 miliardi di euro, al Sud vengono assegnati 1,4 miliardi di euro alla Napoli-Bari; 1,44 miliardi alla Palermo-Catania; 1,8 miliardi alla Salerno-Reggio. Complessivamente si tratta di 4,64 miliardi, pari al 34,86% del totale”.

Al Nord – continua Cuccurese – vengono assegnati 3,67 miliardi alla Brescia-Verona-Vicenza; 3,97 miliardi alla Liguria-Alpi; 930 milioni alla Verona-Brennero, per un totale di 8,67 miliardi, pari al 65,14% dell’intera posta in palio sull’Alta velocità”.

Attenzione – evidenzia Cuccurese – perché la Palermo-Catania e la Napoli-Bari sono progetti già finanziati, ma che i quotidiani di oggi, evidentemente su suggerimento, inseriscono nel computo. E qui inizia giuoco delle tre carte ai danni del Sud”.

La percentuale – specifica – di ripartizione dei Fondi che al Sud doveva essere del 65% (in base ai paramenti richiesti dalla Commissione Ue e cioè che le risorse venissero distribuite ai Paesi membri, in funzione della popolazione, del reddito pro capite e del tasso di disoccupazione), ma che la Ministra per il Sud, Carfagna, ha ‘retrocesso’ pochi giorni fa in Senato durante il question time a solo il 40% evidentemente per volontà governativa, ora scendono ancora”.

Alla fine – tira le somme Cuccurese – se le anticipazioni giornalistiche troveranno conferma, la quota reale destinata al Sud per l’Alta Velocità sarà quindi di 1,8 miliardi (assegnati alla Salerno-RC) per un totale di solo il 13,52% dei Fondi per l’Alta Velocità, non 65%, non 40%”.

Chiaramente – evidenzia – le risorse comunque assegnate per una vera Alta Velocità Salerno-Reggio Calabria ( 3 ore da Roma a Villa) pari a 1,8 miliardi, come giustamente spiegato dettagliatamente nell’articolo, sono del tutto inadeguate. In sintesi, conclude Cuccurese: “Così si continua a finanziare il Nord a danno del Sud”.


Fonte: Vesuvuanonews- articolo Salvatore Lucchese






.

Leggi tutto »

La Ministra per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna annuncia a manca e a destra che è riuscita ad assicurare l’assegnazione del 40% dei circa 210 miliardi del Recovery Plan al Mezzogiorno. La qualcosa corrisponde all’ennesimo scippo perpetrato nei confronti del Sud, cui, invece, spetterebbe l’assegnazione del 65% dei finanziamenti europei.

Se poi si vanno ad analizzare le singole voci, come quella strategica degli investimenti in conto capitale per l’Alta velocità, le cose stanno ancora peggio, perché dal 40% si passa al 13,50%. Insomma, si danno i numeri a lotto.

Ciò è quanto, di fatto, denuncia dalla sua pagina facebook personale il Presidente del Partito del Sud, Natale Cuccurese.

Detto che – osserva Cuccurese – il Recovery assegna all’Alta velocità in Italia complessivamente 13,31 miliardi di euro, al Sud vengono assegnati 1,4 miliardi di euro alla Napoli-Bari; 1,44 miliardi alla Palermo-Catania; 1,8 miliardi alla Salerno-Reggio. Complessivamente si tratta di 4,64 miliardi, pari al 34,86% del totale”.

Al Nord – continua Cuccurese – vengono assegnati 3,67 miliardi alla Brescia-Verona-Vicenza; 3,97 miliardi alla Liguria-Alpi; 930 milioni alla Verona-Brennero, per un totale di 8,67 miliardi, pari al 65,14% dell’intera posta in palio sull’Alta velocità”.

Attenzione – evidenzia Cuccurese – perché la Palermo-Catania e la Napoli-Bari sono progetti già finanziati, ma che i quotidiani di oggi, evidentemente su suggerimento, inseriscono nel computo. E qui inizia giuoco delle tre carte ai danni del Sud”.

La percentuale – specifica – di ripartizione dei Fondi che al Sud doveva essere del 65% (in base ai paramenti richiesti dalla Commissione Ue e cioè che le risorse venissero distribuite ai Paesi membri, in funzione della popolazione, del reddito pro capite e del tasso di disoccupazione), ma che la Ministra per il Sud, Carfagna, ha ‘retrocesso’ pochi giorni fa in Senato durante il question time a solo il 40% evidentemente per volontà governativa, ora scendono ancora”.

Alla fine – tira le somme Cuccurese – se le anticipazioni giornalistiche troveranno conferma, la quota reale destinata al Sud per l’Alta Velocità sarà quindi di 1,8 miliardi (assegnati alla Salerno-RC) per un totale di solo il 13,52% dei Fondi per l’Alta Velocità, non 65%, non 40%”.

Chiaramente – evidenzia – le risorse comunque assegnate per una vera Alta Velocità Salerno-Reggio Calabria ( 3 ore da Roma a Villa) pari a 1,8 miliardi, come giustamente spiegato dettagliatamente nell’articolo, sono del tutto inadeguate. In sintesi, conclude Cuccurese: “Così si continua a finanziare il Nord a danno del Sud”.


Fonte: Vesuvuanonews- articolo Salvatore Lucchese






.

domenica 18 aprile 2021

Natale Cuccurese: “Il Governo Draghi rilancia la balcanizzazione del Paese”

Oramai, in piena pandemia i fallimenti del federalismo estrattivo all’italiana sono sotto gli occhi di tutti: frammentazione della catena di governo, sviluppo territoriale dualistico, diseguaglianze crescenti, venti sistemi sanitari che taroccano i numeri per avere più vaccini da somministrare agli amici degli amici, etc..

Insomma, lo Stato Arlecchino che tutela i forti, i ricchi ed i potenti ed abbandona i poveri al loro destino di peste, fame e carestia. E il Governo dei “Migliori” cosa fa? Pone un argine a questa pericolosa deriva di frammentazione e di istituzionalizzazione definitiva dello storico dualismo tra il Nord e il Sud di un Paese sempre più diviso e diseguale?

Giammai! La cura, si fa per dire, prevista dal nuovo uomo della provvidenza, Mario Draghi, è peggio del male: si scrive autonomia regionale differenziata e si legge secessione dei ricchi.

A lanciare l’allarme è il Presidente del Partito del Sud, Natale Cuccurese, che sulla sua pagina facebook personale scrive: “Per chi si illudeva che con il Governo Draghi il percorso dell’autonomia differenziata avrebbe subito uno stop, allego la pag. 14 del testo del DEF 2021, punto 1.5, (approvato l’altro ieri) da cui si evince che per la prossima legge di bilancio (2022-2024) il DDL sull’autonomia differenziata sarà tra le leggi collegate alla decisione di bilancio”.

Ogni commento – prosegue – è a questo punto superfluo, la destrutturazione dello Stato proseguirà al termine della pandemia più forte di prima, così come le conseguenti privatizzazioni, al Nord come al Sud”.

La composizione del Governo, infarcito di leghisti, protoleghisti e “liberisti bocconiani”, così come l’elezione di Fedriga a capo della Conferenza Stato Regioni, – conclude Cuccurese – non lasciava presagire nulla di buono per il Sud ed infatti ecco un altro tassello andare al suo posto”.


Fonte: VesuvianoNews-articolo di Salvatore Lucchese






.




Leggi tutto »

Oramai, in piena pandemia i fallimenti del federalismo estrattivo all’italiana sono sotto gli occhi di tutti: frammentazione della catena di governo, sviluppo territoriale dualistico, diseguaglianze crescenti, venti sistemi sanitari che taroccano i numeri per avere più vaccini da somministrare agli amici degli amici, etc..

Insomma, lo Stato Arlecchino che tutela i forti, i ricchi ed i potenti ed abbandona i poveri al loro destino di peste, fame e carestia. E il Governo dei “Migliori” cosa fa? Pone un argine a questa pericolosa deriva di frammentazione e di istituzionalizzazione definitiva dello storico dualismo tra il Nord e il Sud di un Paese sempre più diviso e diseguale?

Giammai! La cura, si fa per dire, prevista dal nuovo uomo della provvidenza, Mario Draghi, è peggio del male: si scrive autonomia regionale differenziata e si legge secessione dei ricchi.

A lanciare l’allarme è il Presidente del Partito del Sud, Natale Cuccurese, che sulla sua pagina facebook personale scrive: “Per chi si illudeva che con il Governo Draghi il percorso dell’autonomia differenziata avrebbe subito uno stop, allego la pag. 14 del testo del DEF 2021, punto 1.5, (approvato l’altro ieri) da cui si evince che per la prossima legge di bilancio (2022-2024) il DDL sull’autonomia differenziata sarà tra le leggi collegate alla decisione di bilancio”.

Ogni commento – prosegue – è a questo punto superfluo, la destrutturazione dello Stato proseguirà al termine della pandemia più forte di prima, così come le conseguenti privatizzazioni, al Nord come al Sud”.

La composizione del Governo, infarcito di leghisti, protoleghisti e “liberisti bocconiani”, così come l’elezione di Fedriga a capo della Conferenza Stato Regioni, – conclude Cuccurese – non lasciava presagire nulla di buono per il Sud ed infatti ecco un altro tassello andare al suo posto”.


Fonte: VesuvianoNews-articolo di Salvatore Lucchese






.




domenica 11 aprile 2021

Natale Cuccurese: “Assalto finale alla diligenza del Recovery. Al Sud soltanto il 40% delle risorse contro il 65% indicato dall’Europa”

La composizione nord-centrica del Governo Draghi sta portando i suoi frutti amari non solo per il Sud, ma per l’intero sistema Italia: puntare di nuovo quasi tutto sul solito motore Nord a discapito dell’accensione del secondo motore del Paese, il Sud sempre più bistrattato e vilipeso.

Dopo la sperequazione nella distribuzione dei vaccini anti-covid denunciata dal Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, segue la sempre più probabile iniqua ripartizione dei fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr): il 40% dei circa 209 miliardi di euro al Sud, invece del 65% come da criteri europei, popolazione generale, Pil individuale inverso, tasso di disoccupazione, e il restante 60% alla presunta locomotiva Nord.

Ciò è quanto denuncia dalla sua pagina facebook personale anche il Presidente del Partito del Sud, Natale Cuccurese,

Sembra confermata – ha scritto Cuccurese – la quota del 40% delle risorse per il Mezzogiorno, quota da raggiungere senza l’apporto del Fondo di sviluppo e coesione, anziché del 65% come da indicazioni europee. È quindi andata a buon fine ‘l’operazione Draghi’ a favore di prima il Nord”.

Il tutto, ha proseguito Cuccurese, avverrà a dispregio della democrazia, in quanto i tempi del confronto parlamentare e del dibattito pubblico sono stati ridotti al lumicino: presentazione del Pnrr alle Camere il 26 aprile ed invio dello stesso a Bruxelles il 30 dello stesso mese.

Meno di 100 ore – ha evidenziato Cuccurese – per il dibattito in Parlamento, mentre nel Paese non ci sarà tempo nemmeno di leggere il PNRR. D’altra parte è risaputo che il parere dei cittadini in epoca post democratica non conta nulla”.

Così – ha concluso – saranno decise in Italia le politiche pubbliche del prossimo decennio, praticamente senza discussione alcuna dato che tutti, o quasi, i partiti fanno parte della maggioranza”.

Fonte: Vesuvianonews – articolo di Salvatore Lucchese








Leggi tutto »

La composizione nord-centrica del Governo Draghi sta portando i suoi frutti amari non solo per il Sud, ma per l’intero sistema Italia: puntare di nuovo quasi tutto sul solito motore Nord a discapito dell’accensione del secondo motore del Paese, il Sud sempre più bistrattato e vilipeso.

Dopo la sperequazione nella distribuzione dei vaccini anti-covid denunciata dal Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, segue la sempre più probabile iniqua ripartizione dei fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr): il 40% dei circa 209 miliardi di euro al Sud, invece del 65% come da criteri europei, popolazione generale, Pil individuale inverso, tasso di disoccupazione, e il restante 60% alla presunta locomotiva Nord.

Ciò è quanto denuncia dalla sua pagina facebook personale anche il Presidente del Partito del Sud, Natale Cuccurese,

Sembra confermata – ha scritto Cuccurese – la quota del 40% delle risorse per il Mezzogiorno, quota da raggiungere senza l’apporto del Fondo di sviluppo e coesione, anziché del 65% come da indicazioni europee. È quindi andata a buon fine ‘l’operazione Draghi’ a favore di prima il Nord”.

Il tutto, ha proseguito Cuccurese, avverrà a dispregio della democrazia, in quanto i tempi del confronto parlamentare e del dibattito pubblico sono stati ridotti al lumicino: presentazione del Pnrr alle Camere il 26 aprile ed invio dello stesso a Bruxelles il 30 dello stesso mese.

Meno di 100 ore – ha evidenziato Cuccurese – per il dibattito in Parlamento, mentre nel Paese non ci sarà tempo nemmeno di leggere il PNRR. D’altra parte è risaputo che il parere dei cittadini in epoca post democratica non conta nulla”.

Così – ha concluso – saranno decise in Italia le politiche pubbliche del prossimo decennio, praticamente senza discussione alcuna dato che tutti, o quasi, i partiti fanno parte della maggioranza”.

Fonte: Vesuvianonews – articolo di Salvatore Lucchese








sabato 3 aprile 2021

BUONA PASQUA DAL PARTITO DEL SUD!

 A tutte e a tutti Auguri di Buona Pasqua!

“Nascere non basta.
È per rinascere che siamo nati.
Ogni giorno.”
(Pablo Neruda)




.


Leggi tutto »

 A tutte e a tutti Auguri di Buona Pasqua!

“Nascere non basta.
È per rinascere che siamo nati.
Ogni giorno.”
(Pablo Neruda)




.


IL PARTITO DEL SUD INCONTRA PAOLO FERRERO, VICEPRESIDENTE DEL PARTITO DELLA SINISTRA EUROPEA -Venerdì 9 Aprile alle ore 19,00

IL PARTITO DEL SUD INCONTRA PAOLO FERRERO

CON:
-PAOLO FERRERO, VICEPRESIDENTE PARTITO DELLA SINISTRA EUROPEA
-NATALE CUCCURESE, PRESIDENTE PARTITO DEL SUD
MODERA:
MICHELE DELL'EDERA, GIORNALISTA E VICEPRESIDENTE PARTITO DEL SUD

-Come opera e con quali obiettivi il Partito della Sinistra Europea
-La partita politica che si svolge in Europa fra Paesi del Sud Europa e Paesi del Nord Europa che richiama da vicino la situazione italiana
-La nuova rivista della Sinistra Europea ed il supporto che può dare alla lotta in Europa anche contro discriminazioni di genere e territoriali http://www.europeanleftmagazine.eu/
-Necessità di aggregazione fra le forze di Sinistra in Italia, partendo dall'esempio della Sinistra Europea


Diretta dalla pagina Facebook del Partito del Sud: https://www.facebook.com/PdelSud






Leggi tutto »

IL PARTITO DEL SUD INCONTRA PAOLO FERRERO

CON:
-PAOLO FERRERO, VICEPRESIDENTE PARTITO DELLA SINISTRA EUROPEA
-NATALE CUCCURESE, PRESIDENTE PARTITO DEL SUD
MODERA:
MICHELE DELL'EDERA, GIORNALISTA E VICEPRESIDENTE PARTITO DEL SUD

-Come opera e con quali obiettivi il Partito della Sinistra Europea
-La partita politica che si svolge in Europa fra Paesi del Sud Europa e Paesi del Nord Europa che richiama da vicino la situazione italiana
-La nuova rivista della Sinistra Europea ed il supporto che può dare alla lotta in Europa anche contro discriminazioni di genere e territoriali http://www.europeanleftmagazine.eu/
-Necessità di aggregazione fra le forze di Sinistra in Italia, partendo dall'esempio della Sinistra Europea


Diretta dalla pagina Facebook del Partito del Sud: https://www.facebook.com/PdelSud






venerdì 26 marzo 2021

Natale Cuccurese: “Pur di danneggiare il Sud, le aziende del Nord sono pronte a tutto”

Dalla sua pagina facebook personale, il Presidente del Partito del Sud Natale Cuccurese riprende e rilancia l’allarme lanciato dalle pagine del “Mattino” del 25 marzo dall’antropologo Marino Niola sulla mancata candidatura del caffè italiano all’Unesco.

Pur di danneggiare il Sud, per mantenerlo colonia e mercato interno dei loro prodotti, –  denuncia Cuccurese – le aziende del Nord sono pronte a tutto. Come ha osservato il grande antropologo Marino Niola: ‘Quella delle torrefazioni del Nord contro il caffè napoletano, boicottando la proposta di renderlo patrimonio Unesco è parte di una guerra del Nord contro il Sud. La ricchezza del territorio di Napoli fa paura’”.


Fonte: Vesuvianonews-articolo Salvatore Lucchese




Leggi tutto »

Dalla sua pagina facebook personale, il Presidente del Partito del Sud Natale Cuccurese riprende e rilancia l’allarme lanciato dalle pagine del “Mattino” del 25 marzo dall’antropologo Marino Niola sulla mancata candidatura del caffè italiano all’Unesco.

Pur di danneggiare il Sud, per mantenerlo colonia e mercato interno dei loro prodotti, –  denuncia Cuccurese – le aziende del Nord sono pronte a tutto. Come ha osservato il grande antropologo Marino Niola: ‘Quella delle torrefazioni del Nord contro il caffè napoletano, boicottando la proposta di renderlo patrimonio Unesco è parte di una guerra del Nord contro il Sud. La ricchezza del territorio di Napoli fa paura’”.


Fonte: Vesuvianonews-articolo Salvatore Lucchese




domenica 21 marzo 2021

Natale Cuccurse: “Caos vaccini Lombardia. Il sovranismo regionale è fallito. E non solo in Lombardia”




Presentata dal sistema dei media acquiescenti, interessati e dominanti come un modello virtuoso di “efficienza”, “efficacia”, in realtà, nel fronteggiare l’emergenza pandemica, la “locomotiva” Lombardia mostra di fare acqua da tutte le parti: 693.917 cittadini lombardi contagiati dall’inizio della pandemia, quasi il 21% dei 3.356.331 contagiati a livello nazionale; 29.709 cittadini lombardi morti per Covid, il 28,3% dei 104.642 decessi registrati in tutta Italia per la stessa causa; somministrato soltanto il 74,8% delle dosi di vaccini anticovid-19 avute in consegna rispetto all’80,2% degli stessi vaccini somministrati a livello nazionale.

Come a questo proposito ha dichiarato il Presidente del Partito del Sud Natale Cuccurese: “Anche oggi in Lombardia e caos vaccini!Massima solidarietà a tutti i cittadini lombardi alle prese con la pandemia e con l’amministrazione Fontana”.

È evidente a tutti – ha proseguito Cuccurese – che l’idea leghista e protoleghista di ‘sovranismo regionale’ che più competenze si danno alle regioni meglio è per i cittadini, alla prova dei fatti, è fallita, oltre ad essere assai pericolosa. E non solo in Lombardia”.


Fonte: Vesuvianonews-articolo di Salvatore Lucchese




.

Leggi tutto »




Presentata dal sistema dei media acquiescenti, interessati e dominanti come un modello virtuoso di “efficienza”, “efficacia”, in realtà, nel fronteggiare l’emergenza pandemica, la “locomotiva” Lombardia mostra di fare acqua da tutte le parti: 693.917 cittadini lombardi contagiati dall’inizio della pandemia, quasi il 21% dei 3.356.331 contagiati a livello nazionale; 29.709 cittadini lombardi morti per Covid, il 28,3% dei 104.642 decessi registrati in tutta Italia per la stessa causa; somministrato soltanto il 74,8% delle dosi di vaccini anticovid-19 avute in consegna rispetto all’80,2% degli stessi vaccini somministrati a livello nazionale.

Come a questo proposito ha dichiarato il Presidente del Partito del Sud Natale Cuccurese: “Anche oggi in Lombardia e caos vaccini!Massima solidarietà a tutti i cittadini lombardi alle prese con la pandemia e con l’amministrazione Fontana”.

È evidente a tutti – ha proseguito Cuccurese – che l’idea leghista e protoleghista di ‘sovranismo regionale’ che più competenze si danno alle regioni meglio è per i cittadini, alla prova dei fatti, è fallita, oltre ad essere assai pericolosa. E non solo in Lombardia”.


Fonte: Vesuvianonews-articolo di Salvatore Lucchese




.

venerdì 19 marzo 2021

Natale Cuccurese: “Le Università del Nord virtuose con i soldi sottratti alle Università del Sud”

Nel proporre sulla sua pagina facebook personale la tabella relativa alla ripartizione del Fondo di Finanziamento Ordinario per Università e Ricerca elaborata dall’economista Gianfranco Viesti dell’Università di Bari, il Presidente del Partito del Sud, Natale Cuccurese, ha argutamente osservato: “Ormai il gioco di leghisti, protoleghisti e neo liberisti al seguito è scoperto: concentrare sempre di più i finanziamenti alle Università del Nord, per poi poter dire “noi che siamo i virtuosi (coi soldi sottratti agli altri) adesso vi chiudiamo perché non meritate di esistere, rappresentare culture, istanze, idee altre rispetto al (nostro) pensiero unico”.

È lo stesso lurido gioco – ha concluso Cuccurese – che stanno perseguendo da tempo con l’Autonomia differenziata, un imbroglio orami chiaro a tutti. Non a caso il Governo Draghi ha fra i suoi consiglieri anche Giavazzi che da tempo teorizza dalle pagine del Corriere della Sera la chiusura delle Università del Centro-Sud”.



Fonte: Vesuvianonews-articolo Salvatore Lucchese





.

Leggi tutto »

Nel proporre sulla sua pagina facebook personale la tabella relativa alla ripartizione del Fondo di Finanziamento Ordinario per Università e Ricerca elaborata dall’economista Gianfranco Viesti dell’Università di Bari, il Presidente del Partito del Sud, Natale Cuccurese, ha argutamente osservato: “Ormai il gioco di leghisti, protoleghisti e neo liberisti al seguito è scoperto: concentrare sempre di più i finanziamenti alle Università del Nord, per poi poter dire “noi che siamo i virtuosi (coi soldi sottratti agli altri) adesso vi chiudiamo perché non meritate di esistere, rappresentare culture, istanze, idee altre rispetto al (nostro) pensiero unico”.

È lo stesso lurido gioco – ha concluso Cuccurese – che stanno perseguendo da tempo con l’Autonomia differenziata, un imbroglio orami chiaro a tutti. Non a caso il Governo Draghi ha fra i suoi consiglieri anche Giavazzi che da tempo teorizza dalle pagine del Corriere della Sera la chiusura delle Università del Centro-Sud”.



Fonte: Vesuvianonews-articolo Salvatore Lucchese





.

 
[Privacy]
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Hot Sonakshi Sinha, Car Price in India