giovedì 4 giugno 2020

Cosa esce sulla ruota del Sud?


Di Natale Cuccurese
Oltre 3.000 pagine di documenti e proposte legislative e finanziarie, per un totale di 1.850 miliardi di euro erogabili con il prossimo periodo di programmazione 2021-2027 (Qfp), di cui 1.100 miliardi per il bilancio Ue ‘normale’, e 750 miliardi raccolti sul mercato con euro obbligazioni, che finanzieranno 500 miliardi di sovvenzioni e 250 di possibili prestiti agli Stati membri. La Commissione pone poche condizioni, ma assai stringenti. Innanzitutto il carattere volontario. Devono essere i governi a fare richiesta delle risorse, il cui esborso sarà legato a un piano nazionale di interventi e misure per sovvenzioni concesse a rate, solo se si attuano le riforme. In altre parole la Commissione viene in soccorso degli Stati, ma saranno questi ultimi i responsabili per la propria ripresa, è uno strumento volontario, che mette al centro le riforme nazionali che gli stessi Paesi predispongono. Di questo Recovery Fund complessivo, il grosso capitolo di spesa è quello relativo a “ripresa e resilienza” (602,9 miliardi), a cui si aggiungono altri 53,3 miliardi di euro per le politiche di coesione e 32,8 miliardi per il fondo di transizione. I soldi extra per coesione e transizione sostenibile rappresentano una leva possibile per lo sviluppo del Mezzogiorno. La Commissione insiste sulla necessità di puntare su green economy e digitale, ma le sovvenzioni a fondo perduto possono essere garantite anche a lavoratori autonomi, piccole e medie imprese, sanità, cultura, turismo. E qui finisce l’edulcorata rappresentazione fatta dai media più o meno allineati.
Ora analizziamo perché anche questa “occasione imperdibile” potrebbe poi non essere così conveniente né per l’Italia e tantomeno per il Sud. Iniziamo da quest’ultimo.
Abbiamo assistito al recente “scippo con destrezza” dei fondi di coesione, se non ci saranno modifiche dovuti ad interpellanze, grazie al gioco dell’oca dell’azione europea. Cioè dapprima la Commissione europea a marzo ha “invitato” il governo italiano allo “scippo” nei confronti del Sud spostando a favore del Nord, per affrontare l’emergenza Covid19, i fondi di coesione spettanti al Sud. Successivamente, dopo che nel DL Rilancio il governo italiano ha preparato il terreno per l’ennesimo “sacco del Sud” recependo i suggerimenti europei, con il Ministro Provenzano nella veste di spettatore quando non di pompiere, la Commissione europea ha ben pensato di nascondere la mano e di invitare, nei fatti, il nostro governo, tramite i fondi messi a disposizione (nel tempo) con il recovery fund, a recuperare (in tutto o in parte) quegli stessi fondi che aveva consigliato di spostare al Nord per bocca della Presidente della Commissione Europea a inizio emergenza.
Attenzione però, perché per il Sud il risultato totale dell’operazione sarà, ben che vada, a saldo zero rispetto all’importo iniziale dei fondi di coesione che già gli spettavano. Di conseguenza si può già prevedere che i “nuovi” fondi del recovery fund andranno tutti e solo al Nord.
Infatti la considerazione che le amministrazioni del Mezzogiorno dovranno essere rapide, brave e decise a promuovere progetti “degni” di finanziamento, per poi garantire di portare a termine le opere di rilancio così da ricevere tutte le tranche di sovvenzioni, lascia presagire giudizi di merito difficilmente raggiungibili, trucchi contabili che già in passato si sono rivelati trappole mortali per il Sud.
Inoltre l’invito europeo “a fare presto” per accedere al fondo fa poi capire come sia invece molto meglio procedere coi piedi di piombo e valutare bene pro e contro dell’operazione anche a livello nazionale soprattutto considerando che la verità sul Recovery Fund è che l’Italia, fatti salvi i 91 miliardi di prestiti, come contributi a fondo perduto avrà 82 miliardi, nel contempo, secondo il documento della Commissione Europea SWD (2020) 98 final del 27 maggio, l’Italia dovrebbe, come contributore netto, versare 96 miliardi, quindi: 82 miliardi meno 96 miliardi= meno 14 miliardi.
Certo ci si può consolare con la considerazione che senza questo contributo di 82 miliardi, comunque inviso ai Paesi rigoristi in una situazione che si presume sarà oggetto di dura trattativa, ci troveremmo a dover sborsare una cifra molto più ingente, una magra consolazione sventolata come svolta epocale per le nostre finanze, eppure il totale resta sempre negativo.
Per cui la fregatura che sta arrivando dall’Europa capitanata dai paesi nordici rigoristi è chiara, mentre larga parte dei media sono come sempre plaudenti dell’azione del governo giallo-rosso che non può, soprattutto nella sua parte “gialla”, accedere al MES se non vuole perdere la faccia, per cui a mali estremi estremi rimedi: ben venga il Recovery Fund dopotutto è pur sempre un risparmio e in più ci sono sempre i 91 miliardi di prestiti, ovviamente da restituire.
L’unica differenza fra l’analisi della posizione italiana e quella del Sud è che mentre su quella nazionale i protocolli sono già visibili e consultabili, per il gioco delle “tre carte” illustrato e riservato Sud, cioè l’ennesima fregatura di una lunga serie, non essendo ancora resi pubblici i protocolli siamo alle supposizioni, pur se ragionate, anche perché, come diceva quel tale, “a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si prende”.  In poche parole per il Sud, per ottenere solo quanto già gli è dovuto, “gli esami non finiscono mai” e non solo c’è il rischio concreto di non ricevere tutto quanto già dovuto, ma vi è ovviamente anche la certezza che i soldi del prestito andranno tutti al Nord, mentre il relativo debito lo dovranno poi ripagare anche i cittadini del Mezzogiorno che nulla riceveranno, se non ulteriore miseria.
Questo anche in considerazione del fatto che le risorse saranno legate alle Raccomandazioni Ue. Quelle del 2019 per l’Italia includono tagli di spesa pubblica, aggiustamenti strutturali e meno agevolazioni fiscali, ritocchi alle pensioni (verso il basso ovviamente), in poche parole altra austerity. Questo in un quadro dove al Sud la povertà, fra assoluta e relativa, già lambisce quasi la metà della popolazione.
In questa ipotesi, grazie alle anticipazioni fornite da Milano Finanza, si comprende bene il perché del Dossier preparato dalla Commissione Colao istituita al di là di qualsiasi processo democratico, per un piano anticrisi. Il sostegno all’economia dovrebbe passare “attraverso la creazione di un Fondo per lo Sviluppo che avrà una dotazione compresa tra i 100 e i 200 miliardi di euro. Lo Stato, le regioni, le province e i comuni conferiranno al Fondo immobili, partecipazioni in società e titoli. (…) Secondo quanto si apprende verrà poi sondata anche la possibilità di attingere a parte delle riserve auree di Bankitalia. È previsto che il fondo verrà gestito da CdP. Le sue quote dovrebbero essere messe a garanzia dei crediti erogati alle imprese e dunque assegnate alle banche e vendute agli investitori internazionali e alla stessa Bce”.
Insomma un bel progetto di saccheggio dello stato italiano a vantaggio di pochi. In Cile per imporre un “simil Piano Colao” hanno dovuto  fare un golpe, qui è bastato mettere lo Stato in mano ai populisti, fra l’altro non molto preparati, visto che si fanno assistere, per svolgere i compiti per i quali sono stati eletti, da oltre 400 “esperti”.
È ovvio che l’autunno a questo punto si prospetta non caldo ma torrido.
Per iniziare a cambiare la situazione sarebbe utile un ritorno immediato ad una seria e dura lotta di classe che non può essere solo nazionale, ma europea, per cambiare insieme, radicalmente e presto tutta la struttura di questa Europa che non solo non rappresenta più in alcun modo quella progettata dai padri fondatori , ma che ormai è un pericolo per la stessa tenuta democratica del Continente.

.
Leggi tutto »

Di Natale Cuccurese
Oltre 3.000 pagine di documenti e proposte legislative e finanziarie, per un totale di 1.850 miliardi di euro erogabili con il prossimo periodo di programmazione 2021-2027 (Qfp), di cui 1.100 miliardi per il bilancio Ue ‘normale’, e 750 miliardi raccolti sul mercato con euro obbligazioni, che finanzieranno 500 miliardi di sovvenzioni e 250 di possibili prestiti agli Stati membri. La Commissione pone poche condizioni, ma assai stringenti. Innanzitutto il carattere volontario. Devono essere i governi a fare richiesta delle risorse, il cui esborso sarà legato a un piano nazionale di interventi e misure per sovvenzioni concesse a rate, solo se si attuano le riforme. In altre parole la Commissione viene in soccorso degli Stati, ma saranno questi ultimi i responsabili per la propria ripresa, è uno strumento volontario, che mette al centro le riforme nazionali che gli stessi Paesi predispongono. Di questo Recovery Fund complessivo, il grosso capitolo di spesa è quello relativo a “ripresa e resilienza” (602,9 miliardi), a cui si aggiungono altri 53,3 miliardi di euro per le politiche di coesione e 32,8 miliardi per il fondo di transizione. I soldi extra per coesione e transizione sostenibile rappresentano una leva possibile per lo sviluppo del Mezzogiorno. La Commissione insiste sulla necessità di puntare su green economy e digitale, ma le sovvenzioni a fondo perduto possono essere garantite anche a lavoratori autonomi, piccole e medie imprese, sanità, cultura, turismo. E qui finisce l’edulcorata rappresentazione fatta dai media più o meno allineati.
Ora analizziamo perché anche questa “occasione imperdibile” potrebbe poi non essere così conveniente né per l’Italia e tantomeno per il Sud. Iniziamo da quest’ultimo.
Abbiamo assistito al recente “scippo con destrezza” dei fondi di coesione, se non ci saranno modifiche dovuti ad interpellanze, grazie al gioco dell’oca dell’azione europea. Cioè dapprima la Commissione europea a marzo ha “invitato” il governo italiano allo “scippo” nei confronti del Sud spostando a favore del Nord, per affrontare l’emergenza Covid19, i fondi di coesione spettanti al Sud. Successivamente, dopo che nel DL Rilancio il governo italiano ha preparato il terreno per l’ennesimo “sacco del Sud” recependo i suggerimenti europei, con il Ministro Provenzano nella veste di spettatore quando non di pompiere, la Commissione europea ha ben pensato di nascondere la mano e di invitare, nei fatti, il nostro governo, tramite i fondi messi a disposizione (nel tempo) con il recovery fund, a recuperare (in tutto o in parte) quegli stessi fondi che aveva consigliato di spostare al Nord per bocca della Presidente della Commissione Europea a inizio emergenza.
Attenzione però, perché per il Sud il risultato totale dell’operazione sarà, ben che vada, a saldo zero rispetto all’importo iniziale dei fondi di coesione che già gli spettavano. Di conseguenza si può già prevedere che i “nuovi” fondi del recovery fund andranno tutti e solo al Nord.
Infatti la considerazione che le amministrazioni del Mezzogiorno dovranno essere rapide, brave e decise a promuovere progetti “degni” di finanziamento, per poi garantire di portare a termine le opere di rilancio così da ricevere tutte le tranche di sovvenzioni, lascia presagire giudizi di merito difficilmente raggiungibili, trucchi contabili che già in passato si sono rivelati trappole mortali per il Sud.
Inoltre l’invito europeo “a fare presto” per accedere al fondo fa poi capire come sia invece molto meglio procedere coi piedi di piombo e valutare bene pro e contro dell’operazione anche a livello nazionale soprattutto considerando che la verità sul Recovery Fund è che l’Italia, fatti salvi i 91 miliardi di prestiti, come contributi a fondo perduto avrà 82 miliardi, nel contempo, secondo il documento della Commissione Europea SWD (2020) 98 final del 27 maggio, l’Italia dovrebbe, come contributore netto, versare 96 miliardi, quindi: 82 miliardi meno 96 miliardi= meno 14 miliardi.
Certo ci si può consolare con la considerazione che senza questo contributo di 82 miliardi, comunque inviso ai Paesi rigoristi in una situazione che si presume sarà oggetto di dura trattativa, ci troveremmo a dover sborsare una cifra molto più ingente, una magra consolazione sventolata come svolta epocale per le nostre finanze, eppure il totale resta sempre negativo.
Per cui la fregatura che sta arrivando dall’Europa capitanata dai paesi nordici rigoristi è chiara, mentre larga parte dei media sono come sempre plaudenti dell’azione del governo giallo-rosso che non può, soprattutto nella sua parte “gialla”, accedere al MES se non vuole perdere la faccia, per cui a mali estremi estremi rimedi: ben venga il Recovery Fund dopotutto è pur sempre un risparmio e in più ci sono sempre i 91 miliardi di prestiti, ovviamente da restituire.
L’unica differenza fra l’analisi della posizione italiana e quella del Sud è che mentre su quella nazionale i protocolli sono già visibili e consultabili, per il gioco delle “tre carte” illustrato e riservato Sud, cioè l’ennesima fregatura di una lunga serie, non essendo ancora resi pubblici i protocolli siamo alle supposizioni, pur se ragionate, anche perché, come diceva quel tale, “a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si prende”.  In poche parole per il Sud, per ottenere solo quanto già gli è dovuto, “gli esami non finiscono mai” e non solo c’è il rischio concreto di non ricevere tutto quanto già dovuto, ma vi è ovviamente anche la certezza che i soldi del prestito andranno tutti al Nord, mentre il relativo debito lo dovranno poi ripagare anche i cittadini del Mezzogiorno che nulla riceveranno, se non ulteriore miseria.
Questo anche in considerazione del fatto che le risorse saranno legate alle Raccomandazioni Ue. Quelle del 2019 per l’Italia includono tagli di spesa pubblica, aggiustamenti strutturali e meno agevolazioni fiscali, ritocchi alle pensioni (verso il basso ovviamente), in poche parole altra austerity. Questo in un quadro dove al Sud la povertà, fra assoluta e relativa, già lambisce quasi la metà della popolazione.
In questa ipotesi, grazie alle anticipazioni fornite da Milano Finanza, si comprende bene il perché del Dossier preparato dalla Commissione Colao istituita al di là di qualsiasi processo democratico, per un piano anticrisi. Il sostegno all’economia dovrebbe passare “attraverso la creazione di un Fondo per lo Sviluppo che avrà una dotazione compresa tra i 100 e i 200 miliardi di euro. Lo Stato, le regioni, le province e i comuni conferiranno al Fondo immobili, partecipazioni in società e titoli. (…) Secondo quanto si apprende verrà poi sondata anche la possibilità di attingere a parte delle riserve auree di Bankitalia. È previsto che il fondo verrà gestito da CdP. Le sue quote dovrebbero essere messe a garanzia dei crediti erogati alle imprese e dunque assegnate alle banche e vendute agli investitori internazionali e alla stessa Bce”.
Insomma un bel progetto di saccheggio dello stato italiano a vantaggio di pochi. In Cile per imporre un “simil Piano Colao” hanno dovuto  fare un golpe, qui è bastato mettere lo Stato in mano ai populisti, fra l’altro non molto preparati, visto che si fanno assistere, per svolgere i compiti per i quali sono stati eletti, da oltre 400 “esperti”.
È ovvio che l’autunno a questo punto si prospetta non caldo ma torrido.
Per iniziare a cambiare la situazione sarebbe utile un ritorno immediato ad una seria e dura lotta di classe che non può essere solo nazionale, ma europea, per cambiare insieme, radicalmente e presto tutta la struttura di questa Europa che non solo non rappresenta più in alcun modo quella progettata dai padri fondatori , ma che ormai è un pericolo per la stessa tenuta democratica del Continente.

.

“Il Sud nella morsa dei cacicchi del Nord e del tradimento del M5s continua ad essere derubato senza ritegno”

Come di recente ha attestato la Corte dei conti, il Sud continua ad essere scippato delle risorse pubbliche che gli spettano di diritto grazie al trucco incostituzionale della spesa storica. La qualcosa non fa altro che acuire il divario tra il Nord e il Sud di un Paese, che rimane unito solo sulla carta, ma che, dal punto di vista sociale, economico e civile, è spaccato letteralmente in due: una sola Costituzione formale per due Italie materiali sempre più distanti tra loro.
Nel commentare via facebook i dati sulla spesa storica resi noti dalla Corte dei conti, il Presidente del Presidente del Partito del Sud, Natale Cuccurese, ha osservato: “Mentre va avanti il teatrino delle richieste senza vergogna di Regionalismo da parte dei cacicchi del Nord, nel silenzio dei più (soprattutto del M5s che ha clamorosamente tradito il voto del Sud) va avanti la sottrazione di risorse al Sud a solo favore del Nord per 61,5 Miliardi all’anno con il meccanismo della spesa storica, come denuncia la Corte dei Conti: ‘Ignorato il divieto di applicarla’”.



.
Leggi tutto »
Come di recente ha attestato la Corte dei conti, il Sud continua ad essere scippato delle risorse pubbliche che gli spettano di diritto grazie al trucco incostituzionale della spesa storica. La qualcosa non fa altro che acuire il divario tra il Nord e il Sud di un Paese, che rimane unito solo sulla carta, ma che, dal punto di vista sociale, economico e civile, è spaccato letteralmente in due: una sola Costituzione formale per due Italie materiali sempre più distanti tra loro.
Nel commentare via facebook i dati sulla spesa storica resi noti dalla Corte dei conti, il Presidente del Presidente del Partito del Sud, Natale Cuccurese, ha osservato: “Mentre va avanti il teatrino delle richieste senza vergogna di Regionalismo da parte dei cacicchi del Nord, nel silenzio dei più (soprattutto del M5s che ha clamorosamente tradito il voto del Sud) va avanti la sottrazione di risorse al Sud a solo favore del Nord per 61,5 Miliardi all’anno con il meccanismo della spesa storica, come denuncia la Corte dei Conti: ‘Ignorato il divieto di applicarla’”.



.

mercoledì 3 giugno 2020

Natale Cuccurese: “Per il Sud gli esami non finiscono mai, così come le fregature”

Sulla necessità di affrontare il dualismo Nord/Sud, il Governo Conte bis si riempie la bocca di proclami: da quelli relativi al riconoscimento degli scippi di Stato subiti dal Mezzogiorno nel corso degli ultimi dieci anni a quelli che riguardano l’impegno di fare del Meridione la leva per il rilancio della crescita economica dell’intero Paese.
Ma ai proclami e alle dichiarazioni scritte e verbali dei vari Conte, Boccia e Provenzano non seguono i fatti. Ad oggi, non solo è rimasto in vigore il ‘piede di porco’ della spesa storica, grazie al quale dal 2009 al 2019 il Sud è stato derubato di 660 miliardi di euro di spesa pubblica allargata, scippo che ha acuito maggiormente il divario tra le regioni settentrionali e quelle meridionali, ma, con la scusa dell’emergenza sanitaria Covid-19, il Governo Conte bis, oltre ad operare per la sospensione, di fatto, della quota 34% per ilo 2021, sta anche scippando al Sud ben 10 miliardi di euro dei rimanenti fondi europei del settennio 2014/2020.

Sul tema dello scippo in corso dei fondi di coesione e sviluppo europei è intervenuto il Presidente del Partito del Sud, Natale Cuccurese, che, via facebook, il 30 maggio, ha scritto: “Per il Sud ‘gli esami non finiscono mai”, così come le fregature”.
Dapprima – ha osservato Cuccurese – la Commissione europea a marzo ‘invita’ il Governo allo ‘scippo’ nei confronti del Sud spostando a Nord i fondi di coesione per affrontare l’emergenza Covid-19. Successivamente, dopo che nel DL Rilancio il Governo ha preparato il terreno per l’ennesimo ‘sacco del Sud’, nasconde la mano e invita tramite i fondi messi a disposizione (nel tempo) con il recovery fund a recuperare (in tutto o in parte) quegli stessi fondi che aveva consigliato di spostare al Nord per bocca della Presidente della Commissione Europea a inizio emergenza”.

Per il Sud – ha proseguito Cuccurese – il risultato totale dell’operazione sarà, ben che vada, a saldo zero rispetto all’importo iniziale dei fondi di coesione che già gli spettavano. In poche parole i nuovi fondi del recovery fund andranno tutti al Nord.
L’invito ‘a fare presto’ ad accedere al fondo fa poi capire come sia meglio procedere coi piedi di piombo e valutare bene pro e contro dell’operazione anche a livello nazionale
”.
Inoltre, – ha concluso il Presidente del Partito del Sud – la considerazione che ‘le amministrazioni del Mezzogiorno dovranno essere innanzitutto rapide, brave e decise a promuovere progetti degni di finanziamento, per poi garantire di portare a termine le opere di rilancio così da ricevere tutte le tranche di sovvenzioni’lascia presagire meriti di giudizio che già in passato si sono rivelati trappole mortali per il Sud. Insomma, per il Sud, per ottenere solo quanto dovuto, ‘gli esami non finiscono mai’”.

Leggi tutto »
Sulla necessità di affrontare il dualismo Nord/Sud, il Governo Conte bis si riempie la bocca di proclami: da quelli relativi al riconoscimento degli scippi di Stato subiti dal Mezzogiorno nel corso degli ultimi dieci anni a quelli che riguardano l’impegno di fare del Meridione la leva per il rilancio della crescita economica dell’intero Paese.
Ma ai proclami e alle dichiarazioni scritte e verbali dei vari Conte, Boccia e Provenzano non seguono i fatti. Ad oggi, non solo è rimasto in vigore il ‘piede di porco’ della spesa storica, grazie al quale dal 2009 al 2019 il Sud è stato derubato di 660 miliardi di euro di spesa pubblica allargata, scippo che ha acuito maggiormente il divario tra le regioni settentrionali e quelle meridionali, ma, con la scusa dell’emergenza sanitaria Covid-19, il Governo Conte bis, oltre ad operare per la sospensione, di fatto, della quota 34% per ilo 2021, sta anche scippando al Sud ben 10 miliardi di euro dei rimanenti fondi europei del settennio 2014/2020.

Sul tema dello scippo in corso dei fondi di coesione e sviluppo europei è intervenuto il Presidente del Partito del Sud, Natale Cuccurese, che, via facebook, il 30 maggio, ha scritto: “Per il Sud ‘gli esami non finiscono mai”, così come le fregature”.
Dapprima – ha osservato Cuccurese – la Commissione europea a marzo ‘invita’ il Governo allo ‘scippo’ nei confronti del Sud spostando a Nord i fondi di coesione per affrontare l’emergenza Covid-19. Successivamente, dopo che nel DL Rilancio il Governo ha preparato il terreno per l’ennesimo ‘sacco del Sud’, nasconde la mano e invita tramite i fondi messi a disposizione (nel tempo) con il recovery fund a recuperare (in tutto o in parte) quegli stessi fondi che aveva consigliato di spostare al Nord per bocca della Presidente della Commissione Europea a inizio emergenza”.

Per il Sud – ha proseguito Cuccurese – il risultato totale dell’operazione sarà, ben che vada, a saldo zero rispetto all’importo iniziale dei fondi di coesione che già gli spettavano. In poche parole i nuovi fondi del recovery fund andranno tutti al Nord.
L’invito ‘a fare presto’ ad accedere al fondo fa poi capire come sia meglio procedere coi piedi di piombo e valutare bene pro e contro dell’operazione anche a livello nazionale
”.
Inoltre, – ha concluso il Presidente del Partito del Sud – la considerazione che ‘le amministrazioni del Mezzogiorno dovranno essere innanzitutto rapide, brave e decise a promuovere progetti degni di finanziamento, per poi garantire di portare a termine le opere di rilancio così da ricevere tutte le tranche di sovvenzioni’lascia presagire meriti di giudizio che già in passato si sono rivelati trappole mortali per il Sud. Insomma, per il Sud, per ottenere solo quanto dovuto, ‘gli esami non finiscono mai’”.

Venerdì 5 Giugno Lab-Sud: Rilancio Italia: e la sanità pubblica? Cosa è accaduto e cosa bisogna fare per tutelare la salute e la cura delle persone

Transform!italia organizza per il Sud-Lab una discussione in diretta sul tema: Rilancio Italia: e la sanità pubblica? Cosa è accaduto e cosa bisogna fare per tutelare la salute e la cura delle persone

Con :
Fulvio Picoco, Psichiatra;
Rosa Tavella, già Consigliera Regionale-Calabria;
Renato Costa, Direttore Medicina Nucleare Policlinico Palermo;
Franco Musumeci, Medico Side-Campania;
Loredana Marino, Resp. Mezzogiorno della Rifondazione Comunista;
Natale Cuccurese, Presidente del Partito del Sud;

Coordina: Roberto Morea

venerdì 5 Giugno ore 19,00 evento Fb: https://www.facebook.com/events/823731098153989/

eventuali domande scritte vanno indirizzate alla pagina di Transform, dove si svolgerà la diretta, tramite i messaggi https://www.facebook.com/transform.italia/


Leggi tutto »
Transform!italia organizza per il Sud-Lab una discussione in diretta sul tema: Rilancio Italia: e la sanità pubblica? Cosa è accaduto e cosa bisogna fare per tutelare la salute e la cura delle persone

Con :
Fulvio Picoco, Psichiatra;
Rosa Tavella, già Consigliera Regionale-Calabria;
Renato Costa, Direttore Medicina Nucleare Policlinico Palermo;
Franco Musumeci, Medico Side-Campania;
Loredana Marino, Resp. Mezzogiorno della Rifondazione Comunista;
Natale Cuccurese, Presidente del Partito del Sud;

Coordina: Roberto Morea

venerdì 5 Giugno ore 19,00 evento Fb: https://www.facebook.com/events/823731098153989/

eventuali domande scritte vanno indirizzate alla pagina di Transform, dove si svolgerà la diretta, tramite i messaggi https://www.facebook.com/transform.italia/


martedì 2 giugno 2020

Il Partito del Sud e Rifondazione comunista: “No a qualsiasi proposta di autonomia differenziata”

Nonostante il fatto che l’emergenza sanitaria coronavirus abbia evidenziato tutti i limiti politici, gestionali ed organizzativi delle Regioni “virtuose” del Nord, il leghista Luca Zaia, Presidente della Regione Veneto, e il dem Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia Romagna, non perdono occasione per richiedere ad alta voce l’attuazione del regionalismo differenziato.
In occasione della festa della Repubblica, a scendere in piazza a Roma per manifestare contro la “secessione dei ricchi” sono state soltanto due forze politiche di sinistra, Rifondazione comunista e il Partito del Sud, che hanno voluto ribadire il loro forte e deciso “No a qualsiasi proposta di autonomia differenziata e chiedere che il Governo non vada avanti su una strada che può fare solo danni al Paese”.



Leggi tutto »
Nonostante il fatto che l’emergenza sanitaria coronavirus abbia evidenziato tutti i limiti politici, gestionali ed organizzativi delle Regioni “virtuose” del Nord, il leghista Luca Zaia, Presidente della Regione Veneto, e il dem Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia Romagna, non perdono occasione per richiedere ad alta voce l’attuazione del regionalismo differenziato.
In occasione della festa della Repubblica, a scendere in piazza a Roma per manifestare contro la “secessione dei ricchi” sono state soltanto due forze politiche di sinistra, Rifondazione comunista e il Partito del Sud, che hanno voluto ribadire il loro forte e deciso “No a qualsiasi proposta di autonomia differenziata e chiedere che il Governo non vada avanti su una strada che può fare solo danni al Paese”.



martedì 26 maggio 2020

“Ripartiamo da Sud. Dall’appello del Lab-Sud per l’Assise meridionale allo speciale Sud di LEFT”

In contrapposizione alla cancellazione, di fatto, della quota 34% e del drenaggio dei finanziamenti europei da Sud e Nord, in queste settimane, prende sempre più piede un variegato movimento in difesa dei diritti cancellati e vilipesi di un Mezzogiorno sistematicamente denigrato, discriminato e cancellato dalla carta geografica degli interventi pubblici di un Paese, che, nel corso degli ultimi decenni, lo ha messo letteralmente al servizio della sua area territorialmente più forte, la “locomotiva” Nord.
È questo il contesto in cui si colloca l’iniziativa per un’Assise meridionale, promossa dal Partito del Sud e da Rifondazione comunista in collaborazione con Transform!Italia e la rivista Left.

Nell’ambito delle iniziative relative al Partito del Sud incontra, martedì 26 maggio alle ore 18:30, se ne parlerà in occasione della diretta facebook: “Ripartiamo da Sud. Dall’appello del Lab-Sud per l’Assise meridionale allo speciale Sud di LEFT”.
In qualità di relatori parteciperanno: Loredana Marino, responsabile Mezzogiorno di Rif. Comunista; Roberto Morea, Transform!Italia, Roberto Musacchio, Left; Natale Cuccurese, Presidente del Partito del Sud. Modererà il dibattito Michele Dell’Edera, giornalista e vicepresidente del Partito del Sud.


Leggi tutto »
In contrapposizione alla cancellazione, di fatto, della quota 34% e del drenaggio dei finanziamenti europei da Sud e Nord, in queste settimane, prende sempre più piede un variegato movimento in difesa dei diritti cancellati e vilipesi di un Mezzogiorno sistematicamente denigrato, discriminato e cancellato dalla carta geografica degli interventi pubblici di un Paese, che, nel corso degli ultimi decenni, lo ha messo letteralmente al servizio della sua area territorialmente più forte, la “locomotiva” Nord.
È questo il contesto in cui si colloca l’iniziativa per un’Assise meridionale, promossa dal Partito del Sud e da Rifondazione comunista in collaborazione con Transform!Italia e la rivista Left.

Nell’ambito delle iniziative relative al Partito del Sud incontra, martedì 26 maggio alle ore 18:30, se ne parlerà in occasione della diretta facebook: “Ripartiamo da Sud. Dall’appello del Lab-Sud per l’Assise meridionale allo speciale Sud di LEFT”.
In qualità di relatori parteciperanno: Loredana Marino, responsabile Mezzogiorno di Rif. Comunista; Roberto Morea, Transform!Italia, Roberto Musacchio, Left; Natale Cuccurese, Presidente del Partito del Sud. Modererà il dibattito Michele Dell’Edera, giornalista e vicepresidente del Partito del Sud.


domenica 24 maggio 2020

In edicola ancora un numero imperdibile di #Left con focus sul Sud! Dopo il numero di settembre 2019, un nuovo e corposo “speciale Sud”.

Ancora un numero imperdibile di #Left con focus sul Sud!
Dopo il numero di settembre 2019, un nuovo e corposo “speciale Sud”.

Sud, se non ora quando ? “Ribaltare la prospettiva geografica”...

Con interviste al Ministro Provenzano e al Senatore Sandro Ruotolo, articoli di Giovanni Russo Spena, Andrea Del Monaco, Roberto Musacchio, della Senatrice Paola Nugnes e tanti altri articoli di ottimi autori, con gli editoriali di Simona Maggiorelli e del nostro Presidente Natale cuccurese.

Left in edicola in tutta Italia questa settimana

Il modello Lombardia ha fallito la prova più importante, checché ne dicano la Lega, Salvini, Giorgetti e il governatore Fontana. C'è bisogno di un cambio di prospettiva, di un salto di paradigma culturale
LA GRANDE OCCASIONE
In edicola dal 22 maggio, oppure subito sul tuo dispositivo qui
📲https://bit.ly/2ZqzLZY
LOTTA ALLE DISUGUAGLIANZE TRA NORD E SUD, UNA QUESTIONE
DI CIVILTÀ Editoriale di Simona Maggiorelli https://bit.ly/2Zmsies
SUD, SE NON ORA QUANDO?
Editoriale di Natale Cuccurese https://bit.ly/2WQMSSy
«NON UN SOLDO VERRÀ TOLTO AL SUD»
Intervista di Simona Maggiorelli al ministro Peppe Provenzano ⛲️ https://bit.ly/2TsKU8L
Passata l’emergenza nulla sarà più come prima.
Grazie alla bassa diffusione della pandemia, il Mezzogiorno può essere la base del rilancio per tutta l’Italia. Con questi imperativi: lavoro, giustizia sociale, diritti degli immigrati, difesa dell’ambiente, equa distribuzione delle risorse. E soprattutto, lotta alle mafie
Sommario con tutti gli articoli 🚩 https://bit.ly/3gjRZCy
Copertina di Fabio Magnasciutti


Leggi tutto »
Ancora un numero imperdibile di #Left con focus sul Sud!
Dopo il numero di settembre 2019, un nuovo e corposo “speciale Sud”.

Sud, se non ora quando ? “Ribaltare la prospettiva geografica”...

Con interviste al Ministro Provenzano e al Senatore Sandro Ruotolo, articoli di Giovanni Russo Spena, Andrea Del Monaco, Roberto Musacchio, della Senatrice Paola Nugnes e tanti altri articoli di ottimi autori, con gli editoriali di Simona Maggiorelli e del nostro Presidente Natale cuccurese.

Left in edicola in tutta Italia questa settimana

Il modello Lombardia ha fallito la prova più importante, checché ne dicano la Lega, Salvini, Giorgetti e il governatore Fontana. C'è bisogno di un cambio di prospettiva, di un salto di paradigma culturale
LA GRANDE OCCASIONE
In edicola dal 22 maggio, oppure subito sul tuo dispositivo qui
📲https://bit.ly/2ZqzLZY
LOTTA ALLE DISUGUAGLIANZE TRA NORD E SUD, UNA QUESTIONE
DI CIVILTÀ Editoriale di Simona Maggiorelli https://bit.ly/2Zmsies
SUD, SE NON ORA QUANDO?
Editoriale di Natale Cuccurese https://bit.ly/2WQMSSy
«NON UN SOLDO VERRÀ TOLTO AL SUD»
Intervista di Simona Maggiorelli al ministro Peppe Provenzano ⛲️ https://bit.ly/2TsKU8L
Passata l’emergenza nulla sarà più come prima.
Grazie alla bassa diffusione della pandemia, il Mezzogiorno può essere la base del rilancio per tutta l’Italia. Con questi imperativi: lavoro, giustizia sociale, diritti degli immigrati, difesa dell’ambiente, equa distribuzione delle risorse. E soprattutto, lotta alle mafie
Sommario con tutti gli articoli 🚩 https://bit.ly/3gjRZCy
Copertina di Fabio Magnasciutti


sabato 23 maggio 2020

RIPARTIAMO DA SUD. "DALL'APPELLO LAB-SUD PER L'ASSISE MERIDIONALE ALLO SPECIALE SUD DI LEFT"

RIPARTIAMO DA SUD. "DALL'APPELLO LAB-SUD PER L'ASSISE MERIDIONALE ALLO SPECIALE SUD DI LEFT"

PARTECIPERANNO:
LOREDANA MARINO, RESP. MEZZOGIORNO DELLA RIF. COMUNISTA;
ROBERTO MOREA, TRANSFORM!ITALIA;
ROBERTO MUSACCHIO, LEFT;
NATALE CUCCURESE, PRESIDENTE DEL PARTITO DEL SUD

MODERA: MICHELE DELL'EDERA; GIORNALISTA E VICEPRESIDENTE DEL PARTITO DEL SUD

DIRETTA FACEBOOK SULLA PAGINA FAN DEL PARTITO DEL SUD : https://www.facebook.com/PdelSud/

SI POSSONO PORRE DOMANDE AGLI OSPITI IN DIRETTA DAI COMMENTI AL VIDEO SULLA PAGINA FAN DEL PARTITO DEL SUD.

EVENTO FB: https://www.facebook.com/events/869178250224895/



.

Leggi tutto »
RIPARTIAMO DA SUD. "DALL'APPELLO LAB-SUD PER L'ASSISE MERIDIONALE ALLO SPECIALE SUD DI LEFT"

PARTECIPERANNO:
LOREDANA MARINO, RESP. MEZZOGIORNO DELLA RIF. COMUNISTA;
ROBERTO MOREA, TRANSFORM!ITALIA;
ROBERTO MUSACCHIO, LEFT;
NATALE CUCCURESE, PRESIDENTE DEL PARTITO DEL SUD

MODERA: MICHELE DELL'EDERA; GIORNALISTA E VICEPRESIDENTE DEL PARTITO DEL SUD

DIRETTA FACEBOOK SULLA PAGINA FAN DEL PARTITO DEL SUD : https://www.facebook.com/PdelSud/

SI POSSONO PORRE DOMANDE AGLI OSPITI IN DIRETTA DAI COMMENTI AL VIDEO SULLA PAGINA FAN DEL PARTITO DEL SUD.

EVENTO FB: https://www.facebook.com/events/869178250224895/



.

giovedì 21 maggio 2020

Lab-Sud: “La Secessione che non si ferma davanti al Covid”

In collaborazione con Transform!Italia e con la rivista Left, il Partito del Sud e il Partito della Rifondazione comunista continuano ad alimentare il dibattito politico-culturale sulla “nuova questione meridionale”.
Nell’ambito delle iniziative dedicate a Lab-Sud, venerdì 23 maggio, alle ore 19:00,  sarà trasmessa la diretta facebook sul tema: “La Secessione che non si ferma davanti al Covid”.
Interverranno: Natale Cuccurese, Presidente del Partito del Sud; Marina Boscaino, Comitato contro ogni Autonomia Differenziata; Giovanni Russo Spena, costituzionalista; Gianluigi Trianni, Forum Diritto alla Salute; Francesco Masi, Movimento No Triv; Loredana Marino, responsabile Mezzogiorno di Rifondazione comunista.
La diretta sarà trasmessa sulla pagina facebook di Transform Italia.



Leggi tutto »
In collaborazione con Transform!Italia e con la rivista Left, il Partito del Sud e il Partito della Rifondazione comunista continuano ad alimentare il dibattito politico-culturale sulla “nuova questione meridionale”.
Nell’ambito delle iniziative dedicate a Lab-Sud, venerdì 23 maggio, alle ore 19:00,  sarà trasmessa la diretta facebook sul tema: “La Secessione che non si ferma davanti al Covid”.
Interverranno: Natale Cuccurese, Presidente del Partito del Sud; Marina Boscaino, Comitato contro ogni Autonomia Differenziata; Giovanni Russo Spena, costituzionalista; Gianluigi Trianni, Forum Diritto alla Salute; Francesco Masi, Movimento No Triv; Loredana Marino, responsabile Mezzogiorno di Rifondazione comunista.
La diretta sarà trasmessa sulla pagina facebook di Transform Italia.



L'Europa vista da Sud Il Sud visto dall'Europa... Prima trasmissione "Il Partito del Sud incontra"

Natale Cuccurese: "Prima trasmissione "Il Partito del Sud incontra" andata in diretta sulla pagina fan del Partito del Sud e che ha visto coinvolti, oltre al sottoscritto, sul tema “L’Europa vista da Sud” Andrea Del Monaco, Paolo Ferrero, Roberto Musacchio e Michele Dell'Edera. Un dibattito molto interessante, a mio avviso, con una ottima risposta di ascolto e che potete ovviamente visionare dalla nostra pagina fan e comunque trovate presente anche sul mio profilo. Purtroppo causa improvviso nubifragio, con mancanza di corrente, non ho potuto partecipare fino alla fine, me ne scuso". https://www.youtube.com/watch?v=JPb35wlD_TM&feature=youtu.be&fbclid=IwAR0yjUtV2qyyUhoXqO-Y5BuXDvB6kavMa88BSGus71k8aYGjhmnNrmPgy7k


Leggi tutto »
Natale Cuccurese: "Prima trasmissione "Il Partito del Sud incontra" andata in diretta sulla pagina fan del Partito del Sud e che ha visto coinvolti, oltre al sottoscritto, sul tema “L’Europa vista da Sud” Andrea Del Monaco, Paolo Ferrero, Roberto Musacchio e Michele Dell'Edera. Un dibattito molto interessante, a mio avviso, con una ottima risposta di ascolto e che potete ovviamente visionare dalla nostra pagina fan e comunque trovate presente anche sul mio profilo. Purtroppo causa improvviso nubifragio, con mancanza di corrente, non ho potuto partecipare fino alla fine, me ne scuso". https://www.youtube.com/watch?v=JPb35wlD_TM&feature=youtu.be&fbclid=IwAR0yjUtV2qyyUhoXqO-Y5BuXDvB6kavMa88BSGus71k8aYGjhmnNrmPgy7k


 
[Privacy]
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Hot Sonakshi Sinha, Car Price in India