giovedì 6 giugno 2024

Cuccurese: “Guerra, a morire sarebbero i figli del Sud. Il 72% dell’Esercito italiano è composto da meridionali”

 Diffido da chi non ricorda mai che il 72% dell’Esercito Italiano è composto da meridionali contro una popolazione del 34% , principalmente a causa della cronica mancanza di lavoro, e quindi in caso di guerra a morire in grande maggioranza saranno proprio i figli del Sud“. Così, tramite social, il candidato indipendente nelle liste di Alleanza Verdi-Sinistra Natale Cuccurese, che poi prosegue: “Lo affermo da tempo (https://transform-italia.it/la-guerra-vista-da-sud/) ma sono l’unico a dirlo e a scriverlo. Evidentemente, come spesso accade, il Mezzogiorno non è nel sentire e non suscita l’attenzione di chi ha troppo spesso la testa rivolta al Nord“. Anche per questo – conclude – per tenere alta l’attenzione sui temi del Mezzogiorno, della Questione meridionale e della pace, che mi sono candidato alle prossime elezioni europee con AVS nella Circoscrizione Meridionale.

Fonte: VesuvianoNews - articolo di Salvatore Lucchese




Leggi tutto »

 Diffido da chi non ricorda mai che il 72% dell’Esercito Italiano è composto da meridionali contro una popolazione del 34% , principalmente a causa della cronica mancanza di lavoro, e quindi in caso di guerra a morire in grande maggioranza saranno proprio i figli del Sud“. Così, tramite social, il candidato indipendente nelle liste di Alleanza Verdi-Sinistra Natale Cuccurese, che poi prosegue: “Lo affermo da tempo (https://transform-italia.it/la-guerra-vista-da-sud/) ma sono l’unico a dirlo e a scriverlo. Evidentemente, come spesso accade, il Mezzogiorno non è nel sentire e non suscita l’attenzione di chi ha troppo spesso la testa rivolta al Nord“. Anche per questo – conclude – per tenere alta l’attenzione sui temi del Mezzogiorno, della Questione meridionale e della pace, che mi sono candidato alle prossime elezioni europee con AVS nella Circoscrizione Meridionale.

Fonte: VesuvianoNews - articolo di Salvatore Lucchese




UN MOTIVO IN PIÙ PER OPPORSI ALLA GUERRA DA SUD…(VIDEO)

Leggi tutto »


 https://transform-italia.it/la-guerra-vista-da-sud/




mercoledì 5 giugno 2024

Il candidato meridionalista Cuccurese: “Riduzioni liste di attesa? Una bufala”

La gran cassa della propaganda di governo batte sulla riduzione delle liste di attesa per le visite mediche presso le strutture pubbliche. E che di gran cassa propagandista si tratti ce lo confermano i dati: a fronte del fabbisogno di 35mila medici e 45mila infermieri sono stati stanziati appena 250milioni di euro. Sul tema è intervenuto anche Natale Cuccurese, Presidente del Partito del Sud e candidato indipendente nelle liste di Alleanza Verdi-Sinistra per le imminenti votazioni europee. “L’ultima bufala (fra le tante) – ha denunciato Cuccurese – propinataci dal governo Meloni, ovviamente sostenuta dalla grancassa mediatica: riduzione delle liste d’attesa per prestazioni sanitarie, ma senza impegnare risorse e non si sa con quali medici“. Per poi concludere: “Confidando che qualche sprovveduto abbocchi in vista del voto. Vedrete che da lunedì nessuno ne parlerà più“.


Fonte: VesuvianoNews - articolo di Salvatore Lucchese




Leggi tutto »

La gran cassa della propaganda di governo batte sulla riduzione delle liste di attesa per le visite mediche presso le strutture pubbliche. E che di gran cassa propagandista si tratti ce lo confermano i dati: a fronte del fabbisogno di 35mila medici e 45mila infermieri sono stati stanziati appena 250milioni di euro. Sul tema è intervenuto anche Natale Cuccurese, Presidente del Partito del Sud e candidato indipendente nelle liste di Alleanza Verdi-Sinistra per le imminenti votazioni europee. “L’ultima bufala (fra le tante) – ha denunciato Cuccurese – propinataci dal governo Meloni, ovviamente sostenuta dalla grancassa mediatica: riduzione delle liste d’attesa per prestazioni sanitarie, ma senza impegnare risorse e non si sa con quali medici“. Per poi concludere: “Confidando che qualche sprovveduto abbocchi in vista del voto. Vedrete che da lunedì nessuno ne parlerà più“.


Fonte: VesuvianoNews - articolo di Salvatore Lucchese




martedì 4 giugno 2024

Contro lo “Spacca-Italia”, un meridionalista in Europa, Natale Cuccurese

A metà giugno, alla Camera dovrebbe essere approvato definitivamente il ddl Calderoli sull’autonomia differenziata, meglio conosciuto come “Spacca-Italia“, in quanto disegna le procedure tramite le quali lo Stato centrale potrà cedere definitivamente poteri, funzioni e risorse economiche alle Regioni richiedenti, a partire dalle Regioni LombardiaVeneto ed Emilia-Romagna, già firmatarie nel 2018 delle pre-Intese con l’allora Governo Gentiloni. Insomma, le Regioni che si fanno Stato, esercitando poteri esclusivi anche su materie di rilievo nazionale, quali la scuola, la sanità, i trasporti e le infrastrutturre. Il tutto ai danni del Sud perchè l’esercizio dei nuovi poteri legittimerebbe in via definitiva ed irreversibile la già iniqua distribuzione della spesa pubblica pro-capite, che ogni anno, sulla base del criterio della spesa storica, sottrae ai cittadini italiani di serie B e serie C che risedono nel Mezzogiorno la “modica” cifra di 60miliardi di euro l’anno.

Una delle voci più autorevoli che già da anni denuncia tale disegno eversivo dello spirito e della lettera del dettato costituzionale è quella del Presidente del Partito del Sud Natale Cuccurese, candidato alle elezioni europee 2024 come indipendente nelle liste di Alleanza Verdi-Sinistra Italiana. Nato ad Afragola (NA), Cuccurese risiede da anni in provincia di Reggio Emilia. E’ attualmente Consigliere Comunale e Consigliere dell’Unione delle Colline Matildiche per Sinistra Unita a Quattro Castella (RE), dove risiede. Ha partecipato col suo Partito a tutte le aggregazioni di Sinistra degli ultimi anni, sempre portando le tesi meridionaliste all’attenzione dei tavoli nazionali, sia per  elezioni politiche che europee. Meridionalista progressista di stampo gramsciano, collabora e scrive su siti, riviste e giornali d’informazione politica. E’ coautore dei libri Con il Sud si riparteLezioni Meridionali e Repubblica una indivisibile euromediterranea.

Lo slogan scelto per la sua campagna elettorale per le Europee è: “Portiamo il meridionalismo in Europa”. Partendo dall’enunciato che il meridionalismo non è un’ideologia politica, una lega del sud per intenderci, ma solo una branca economica che studia come risolvere le differenze di sviluppo territoriali, e quindi le discriminazioni, all’interno di uno Stato e in Europa. Per questo ritiene giusto battersi per un meridionalismo di tipo europeo anche per risolvere finalmente l’annosa “Questione meridionale”.

Fonte: VesuvianoNews - articolo di Salvatore Lucchese




Leggi tutto »

A metà giugno, alla Camera dovrebbe essere approvato definitivamente il ddl Calderoli sull’autonomia differenziata, meglio conosciuto come “Spacca-Italia“, in quanto disegna le procedure tramite le quali lo Stato centrale potrà cedere definitivamente poteri, funzioni e risorse economiche alle Regioni richiedenti, a partire dalle Regioni LombardiaVeneto ed Emilia-Romagna, già firmatarie nel 2018 delle pre-Intese con l’allora Governo Gentiloni. Insomma, le Regioni che si fanno Stato, esercitando poteri esclusivi anche su materie di rilievo nazionale, quali la scuola, la sanità, i trasporti e le infrastrutturre. Il tutto ai danni del Sud perchè l’esercizio dei nuovi poteri legittimerebbe in via definitiva ed irreversibile la già iniqua distribuzione della spesa pubblica pro-capite, che ogni anno, sulla base del criterio della spesa storica, sottrae ai cittadini italiani di serie B e serie C che risedono nel Mezzogiorno la “modica” cifra di 60miliardi di euro l’anno.

Una delle voci più autorevoli che già da anni denuncia tale disegno eversivo dello spirito e della lettera del dettato costituzionale è quella del Presidente del Partito del Sud Natale Cuccurese, candidato alle elezioni europee 2024 come indipendente nelle liste di Alleanza Verdi-Sinistra Italiana. Nato ad Afragola (NA), Cuccurese risiede da anni in provincia di Reggio Emilia. E’ attualmente Consigliere Comunale e Consigliere dell’Unione delle Colline Matildiche per Sinistra Unita a Quattro Castella (RE), dove risiede. Ha partecipato col suo Partito a tutte le aggregazioni di Sinistra degli ultimi anni, sempre portando le tesi meridionaliste all’attenzione dei tavoli nazionali, sia per  elezioni politiche che europee. Meridionalista progressista di stampo gramsciano, collabora e scrive su siti, riviste e giornali d’informazione politica. E’ coautore dei libri Con il Sud si riparteLezioni Meridionali e Repubblica una indivisibile euromediterranea.

Lo slogan scelto per la sua campagna elettorale per le Europee è: “Portiamo il meridionalismo in Europa”. Partendo dall’enunciato che il meridionalismo non è un’ideologia politica, una lega del sud per intenderci, ma solo una branca economica che studia come risolvere le differenze di sviluppo territoriali, e quindi le discriminazioni, all’interno di uno Stato e in Europa. Per questo ritiene giusto battersi per un meridionalismo di tipo europeo anche per risolvere finalmente l’annosa “Questione meridionale”.

Fonte: VesuvianoNews - articolo di Salvatore Lucchese




venerdì 31 maggio 2024

Domenica 02 Giugno 2024 ore 17,00 c/o Hotel La Lampara a Reggio Calabria incontro con Natale Cuccurese, candidato indipendente nella lista AVS Circoscrizione Meridionale




.

 

Leggi tutto »




.

 

Elezioni Europee: Valeria Spinelli candidata indipendente del Partito del Sud in lista con Alleanza Verdi Sinistra: “DONNE e SUD futuro d’Europa” (VIDEO)

Leggi tutto »

 








.

NEL VOTO PER LE AMMINISTRATIVE, ANCHE A REGGIO EMILIA, NON VOGLIAMO ACCUMUNARCI A QUANTI DICONO CHE LO SPACCAITALIA NON È QUESTIONE DEI COMUNI.



Lo è perché, oltre a creare disparità incolmabili in situazioni già molto diverse, risucchierà risorse dai Comuni che perderanno ruolo e peso.

E ciò significa lasciare più soli i cittadini e rendere deboli i loro diritti.
Inoltre, i nostri Costituenti, memori del servilismo imposto alla scuola da parte del fascismo, vollero che l'istruzione fosse funzione esclusiva dello Stato a tutela della libertà di insegnamento.
Sinistra Italiana in Parlamento si è schierata contro ogni forma di regionalismo differenziato. Anni prima, in altra formazione, si è battuta contro la modifica del Titolo V della Costituzione.
Sinistra in Comune, coalizione formata da Sinistra Italiana, Reggio Emilia in Comune con la presenza di due candidati del Partito del Sud, difende i Comuni e i diritti delle persone e non intende subire questo autentico disastro.
Anche su queste basi è nata la nostra collaborazione con SIC! Sinistra In Comune in vista delle prossime elezioni comunali, ricordando da cosa nasce l’impegno di Sic! per le prossime elezioni ed il sostegno da sempre dato, anche a livello nazionale, dal Partito del Sud nel campo progressista, sottolineando l’importanza di questa convergenza dell’elettorato che si riconosce nelle posizioni del Partito del Sud a sostegno della lista Sinistra in Comune.
Una convergenza che nasce dalla comune, forte e fiera opposizione allo “Spacca Italia”, il Disegno di Legge Calderoli attualmente all’esame della Camera dei Deputati. Provvedimento non solo eversivo per l’unità del Paese, ma che crea discriminazioni anche a danno dei cittadini delle Regioni del Nord, ad esempio fra città e comunità montane, e che prepara le condizioni per ulteriori e sempre più pervasive privatizzazioni ai danni dei cittadini meno abbienti. La collaborazione con Sinistra in Comune si è recentemente espressa anche con l’incontro contro l’Autonomia differenziata che ha visto la partecipazione di esponenti nazionali di SI e PdelSUD dello scorso 17 maggio al Circolo ARCI Pieve.
I candidati del Partito del Sud che invito a sostenere e votare l’8 e 9 giugno 2024 alle elezioni comunali di Reggio Emilia sono Sara Bisanti e Vito Albanese, esponenti del Partito del Sud che hanno accettato di candidarsi proprio sulle basi delle idee meridionaliste progressiste e contro genere di discriminazione, anche territoriale.
Per saperne di più sul profilo dei nostri candidati
👇👇
Leggi tutto »



Lo è perché, oltre a creare disparità incolmabili in situazioni già molto diverse, risucchierà risorse dai Comuni che perderanno ruolo e peso.

E ciò significa lasciare più soli i cittadini e rendere deboli i loro diritti.
Inoltre, i nostri Costituenti, memori del servilismo imposto alla scuola da parte del fascismo, vollero che l'istruzione fosse funzione esclusiva dello Stato a tutela della libertà di insegnamento.
Sinistra Italiana in Parlamento si è schierata contro ogni forma di regionalismo differenziato. Anni prima, in altra formazione, si è battuta contro la modifica del Titolo V della Costituzione.
Sinistra in Comune, coalizione formata da Sinistra Italiana, Reggio Emilia in Comune con la presenza di due candidati del Partito del Sud, difende i Comuni e i diritti delle persone e non intende subire questo autentico disastro.
Anche su queste basi è nata la nostra collaborazione con SIC! Sinistra In Comune in vista delle prossime elezioni comunali, ricordando da cosa nasce l’impegno di Sic! per le prossime elezioni ed il sostegno da sempre dato, anche a livello nazionale, dal Partito del Sud nel campo progressista, sottolineando l’importanza di questa convergenza dell’elettorato che si riconosce nelle posizioni del Partito del Sud a sostegno della lista Sinistra in Comune.
Una convergenza che nasce dalla comune, forte e fiera opposizione allo “Spacca Italia”, il Disegno di Legge Calderoli attualmente all’esame della Camera dei Deputati. Provvedimento non solo eversivo per l’unità del Paese, ma che crea discriminazioni anche a danno dei cittadini delle Regioni del Nord, ad esempio fra città e comunità montane, e che prepara le condizioni per ulteriori e sempre più pervasive privatizzazioni ai danni dei cittadini meno abbienti. La collaborazione con Sinistra in Comune si è recentemente espressa anche con l’incontro contro l’Autonomia differenziata che ha visto la partecipazione di esponenti nazionali di SI e PdelSUD dello scorso 17 maggio al Circolo ARCI Pieve.
I candidati del Partito del Sud che invito a sostenere e votare l’8 e 9 giugno 2024 alle elezioni comunali di Reggio Emilia sono Sara Bisanti e Vito Albanese, esponenti del Partito del Sud che hanno accettato di candidarsi proprio sulle basi delle idee meridionaliste progressiste e contro genere di discriminazione, anche territoriale.
Per saperne di più sul profilo dei nostri candidati
👇👇

Cuccurese: “Autonomia differenziata, Sud discriminato e Italia a rischio balcanizzazione”

 L’Autonomia differenziata è un progetto liberista che mette in pericolo l’unità stessa del Paese. Chi si accoda a queste richieste si assume interamente e a futura memoria la responsabilità della possibile, e certo non auspicabile, “balcanizzazione” del Paese non appena i cittadini di alcune aree, non solo del Mezzogiorno, si accorgeranno di essere di serie B cioè con meno diritti e soggetti ad una sorta di apartheid economico. C’è chi lavora per vedere lentamente morire la Repubblica parlamentare nata dalla Resistenza e l’unità del Paese, mentre i dati Istat degli ultimi anni, pongono in evidenza come i divari territoriali e sociali da anni si stanno sempre più approfondendo. Del tutto illusorio pensare che qualche Regione possa “salvarsi da sola”, se non si affrontano i nodi d’insieme del Paese“. Questo quanto dichiarato via social da Natale Cuccurese, presidente del Partito del Sud-Meridionalisti Progressisti e candidato indipendente alle europee nella Circoscrizione Sud per la lista Alleanza Verdi-Sinistra. 

Fonte: VesuvianoNews - articolo Salvatore Lucchese



.


Leggi tutto »

 L’Autonomia differenziata è un progetto liberista che mette in pericolo l’unità stessa del Paese. Chi si accoda a queste richieste si assume interamente e a futura memoria la responsabilità della possibile, e certo non auspicabile, “balcanizzazione” del Paese non appena i cittadini di alcune aree, non solo del Mezzogiorno, si accorgeranno di essere di serie B cioè con meno diritti e soggetti ad una sorta di apartheid economico. C’è chi lavora per vedere lentamente morire la Repubblica parlamentare nata dalla Resistenza e l’unità del Paese, mentre i dati Istat degli ultimi anni, pongono in evidenza come i divari territoriali e sociali da anni si stanno sempre più approfondendo. Del tutto illusorio pensare che qualche Regione possa “salvarsi da sola”, se non si affrontano i nodi d’insieme del Paese“. Questo quanto dichiarato via social da Natale Cuccurese, presidente del Partito del Sud-Meridionalisti Progressisti e candidato indipendente alle europee nella Circoscrizione Sud per la lista Alleanza Verdi-Sinistra. 

Fonte: VesuvianoNews - articolo Salvatore Lucchese



.


domenica 26 maggio 2024

Sabato 25 Maggio ll Partito del Sud alla Via Maestra (Video)

 


Contro L’Autonomia differenziata: La settimana prossima riprenderà alla Camera dei deputati l’iter di approvazione definitiva del ddl Calderoli sull’autonomia differenziata, meglio conosciuta come “Spacca-Italia” o “secessione dei ricchi”, tramite la quale si mira alla definitiva istituzionalizzazione dell’annosa questione meridionale, ossia alla costituzionalizzazione della condizione subalterna del Sud come colonia estrattiva interna del sistema-Nord. Va ribadito con forza il NO senza se e senza ma al regionalismo estrattivo e discriminatorio, che non solo renderà definitiva la marginalizzazione, la pauperizzazione e la conseguente desertificazione demografica, già in corso, del Meridione, ma frantumerà anche l’intero Paese, favorendo l’accelerazione delle politiche di privatizzazione attuate nel corso degli ultimi decenni in nome del dogma supremo del pensiero unico liberista: la centralità del mercato.
Per la Pace: la guerra sarà ancora una volta pagata soprattutto dai figli del Sud, mentre la Costituzione è ancora una volta disattesa, così come accade per l’art. 11, quello che dice che l’Italia ripudia la guerra. Non dimentichiamo poi che ai giorni nostri l’Esercito italiano è composto dal 72% di cittadini del Mezzogiorno, contro un dato demografico del 34% di cittadini residenti, ovvia conseguenza anche della cronica scarsità di occasioni di lavoro nel Mezzogiorno.
Per il salario ed il reddito: basta paghe da fame, basta sfruttamento, basta precarietà. Tutti meccanismi utili solo ad ingrassare multinazionali e prenditori collusi con l’attuale mala-politica. Siamo favorevoli ad un Reddito minimo garantito che permetta a chi è in povertà di poter vivere.






.
Leggi tutto »

 


Contro L’Autonomia differenziata: La settimana prossima riprenderà alla Camera dei deputati l’iter di approvazione definitiva del ddl Calderoli sull’autonomia differenziata, meglio conosciuta come “Spacca-Italia” o “secessione dei ricchi”, tramite la quale si mira alla definitiva istituzionalizzazione dell’annosa questione meridionale, ossia alla costituzionalizzazione della condizione subalterna del Sud come colonia estrattiva interna del sistema-Nord. Va ribadito con forza il NO senza se e senza ma al regionalismo estrattivo e discriminatorio, che non solo renderà definitiva la marginalizzazione, la pauperizzazione e la conseguente desertificazione demografica, già in corso, del Meridione, ma frantumerà anche l’intero Paese, favorendo l’accelerazione delle politiche di privatizzazione attuate nel corso degli ultimi decenni in nome del dogma supremo del pensiero unico liberista: la centralità del mercato.
Per la Pace: la guerra sarà ancora una volta pagata soprattutto dai figli del Sud, mentre la Costituzione è ancora una volta disattesa, così come accade per l’art. 11, quello che dice che l’Italia ripudia la guerra. Non dimentichiamo poi che ai giorni nostri l’Esercito italiano è composto dal 72% di cittadini del Mezzogiorno, contro un dato demografico del 34% di cittadini residenti, ovvia conseguenza anche della cronica scarsità di occasioni di lavoro nel Mezzogiorno.
Per il salario ed il reddito: basta paghe da fame, basta sfruttamento, basta precarietà. Tutti meccanismi utili solo ad ingrassare multinazionali e prenditori collusi con l’attuale mala-politica. Siamo favorevoli ad un Reddito minimo garantito che permetta a chi è in povertà di poter vivere.






.

 
[Privacy]
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Hot Sonakshi Sinha, Car Price in India